Un boss di Castellammare positivo al Covid: il clan va in quarantena

Vincenzo Lamberti,  

Un boss di Castellammare positivo al Covid: il clan va in quarantena

Un esponente di spicco del clan D’Alessandro è stato positivo al coronavirus. Si tratta di un boss anziano che vive con la famiglia a Scanzano, la storica roccaforte di uno dei clan più potenti non d’Italia e d’Europa. L’uomo, viste anche le condizioni fisiche, è stato ricoverato all’ospedale di Boscotrecase che, da ormai quasi un mese è tornato ad essere un Covid Hospital. Le sue condizioni sono buone ma viene monitorato costantemente. Allo stesso tempo, però, l’Asl ha disposto l’isolamento fiduciario di tutta la famiglia che ha avuto contatti con la persona risultata positiva. Un clan in isolamento nelle abitazioni in cui, storicamente, risiedono e comandano da decenni. E’ una delle prime volte in assoluto in cui un esponente di una famiglia camorristica, soprattutto una di primo piano come i D’Alessandro di Castellammare, viene trovato positivo al Coronavirus. Un intero clan in isolamento fiduciario così come disposto dall’Asl e dalle norme che regolano la tracciabiltà dei contatti con persone positive al Covid-19. Un caso unico, fino a questo momento, per soggetti legati alla criminalità organizzata ma non in carcere che dimostra, come tutti asseriscono in questi giorni, l’estrema “democraticità” del virus che sembra non guardare in faccia nessuno. Nei prossimi giorni, poi, i familiari del ras di Scanzano saranno sottoposti ad altri controlli per verificare se il virus si è propagato anche in altri soggetti fino a questo momento asintomatici. Prima di questo caso, però, sotto osservazione erano stati soprattutto i detenuti. E’ nelle carceri, infatti, che anche nella primavera scorsa si erano avuti numerosi casi di positività trasformando alcune case circondariali in veri e propri cluster epidemiologici. Le proteste culminate in vere rivolte hanno rappresentato un momento tra i più critici per la condizione carceraria italiana.

 

I numeri in Campania

Intanto aumentano ancora i positivi in Campania. Sono 401 rispetto ai 392 di ieri peraltro con meno tamponi effettuati: 7.498 nelle ultime 24 ore rispetto ai precedenti 8.482. Il totale dei positivi arriva a 13.925 su un complessivo di 620.282 tamponi. C’è una vittima, il totale dei deceduti arriva a 465. In aumento i guariti del giorno: 103 contro i 42 precedenti. Il totale dei guariti arriva a 6.418. Una giornata caotica caratterizzata anche dalla decisione dell’Asl, sulla quale sicuramente incidono anche le valutazioni del Governatore De Luca, di non far partire il Napoli alla volta di Torino per la sfida con la Juventus. Isolamento fiduciario per i calciatori dopo le positività di Elmas e Zielinsky di ieri (vedi pagina 22). E a proposito di De Luca, il Governatore sarà oggi a Roma per un incontro di lavoro con il Ministro dell’Interno e il Capo della Polizia. In relazione all’emergenza Covid – si apprende da una nota della Regione Campania – il Ministro dell’Interno ha offerto piena disponibilità alla collaborazione e alla definizione di un efficace piano per garantire il rispetto delle ordinanze emesse dal Governo nazionale e dal Governo regionale. Ieri De Luca – nel corso dell’appuntamento settimanale in cui fa il punto della situazione sul Covid – aveva lamentato l’assenza delle forze dell’ordine nel far rispettare le ordinanze nazionali e regionali chiedendo un maggior coinvolgimento delle stesse.

Bimbo positivo

A Gragnano un bambino di tre anni è risultato positivo al Covid. Il piccolo è stato sottoposto al tampone in seguito al test positivo su alcuni suoi familiari. E’ asintomatico e si trova, attualmente, in isolamento domiciliare assieme ai suoi genitori che sono in costante contatto con il suo pediatra. Altri due componenti della stessa famiglia sono stati contagiati. Altri casi si registrano anche ad Agerola (due tamponi positivi) ed a Santa Maria la Carità dove un’anziana è stata sottosta al test dopo essere stata ricoverata con sintomi Covid all’ospedale di Castellammare di Stabia. Tre nuovi casi di Covid anche  in penisola sorrentina. Sono risultati positivi al tampone 2 cittadini di Sant’Agnello e una donna di Piano di Sorrento.

CRONACA