Nuova giunta a Sorrento, il sindaco Coppola è tentato anche dai tecnici

Salvatore Dare,  

Nuova giunta a Sorrento, il sindaco Coppola è tentato anche dai tecnici

Sorrento. Tecnicamente non è ancora il sindaco di Sorrento perché deve essere ancora proclamato. Un passo che verrà fatto forse sabato mattina, in municipio. Ma già da martedì mattina, ogni giorno, dopo aver stravinto il ballottaggio contro l’ex alleato Mario Gargiulo, si reca in Comune e parla con tutti. Parla con i dipendenti comunali, con i dirigenti, con i nei consiglieri neo eletti. «C’è tantissimo lavoro da fare, sono operativo. Siamo pronti a partire» spiega chiaro e tondo il neo primo cittadino di Sorrento Massimo Coppola. Intende accorciare i tempi, anche per la nomina della giunta municipale. Ufficialmente evidenzia che «gli assessori saranno individuati assieme ai gruppi consiliari, ne discutiamo con serenità da giorni e l’obiettivo è allestire la miglior squadra possibile».

Sul tavolo è comunque venuta a galla una possibilità alquanto concreta. Ovvero: affidarsi anche a tecnici. Ipotesi tutt’altro che remota, che Coppola – tra le righe – conferma: «Puntiamo a dare massima rappresentanza alla realtà politica della coalizione senza chiudere affatto le porte a professionalità esterne che magari potrebbero portare alla città un contributo importante e costruttivo». La sensazione è che Coppola possa varare una squadra in cui ci sarà un mix tra consiglieri comunali eletti e tecnici. Non solo. Potrebbe spuntare un esterno al turismo, visto anche il drammatico momento che sta attanagliando l’indotto ricettivo. In questa chiave va letta la volontà di Coppola di istituire quanto prima i cosiddetti Stati generali del turismo aprendo un tavolo di discussione con albergatori, operatori del comparto extralberghiero e anche tour operator, guide turistiche e commercianti. Ma sono in ogni caso i rumors sull’esecutivo che verrà a tenere banco in municipio. Il primo degli eletti Luigi Di Prisco, a quanto pare, potrebbe essere indicato dalla maggioranza come possibile presidente del consiglio comunale. Un ruolo che lo stesso Di Prisco ricopre da un paio di anni e che quindi sarebbe chiamato a ricoprire ancora, almeno fino a metà mandato, quando in occasione di un rimpasto programmato potrebbe avere una chance all’interno dell’esecutivo. Ciò che è certo è che un assessore sarà indicato dal Partito democratico, che ha sostenuto la coalizione di Coppola. Non è escluso che possa essere portato all’interno dell’esecutivo Francesco Mauro, già consigliere comunale di opposizione democrat ed ex segretario cittadino. L’alternativa è il consigliere uscente dem Ivan Gargiulo. ©riproduzione riservata