Scuole, allarme contagi: docente positivo a Casola, liceale contagiato a Scafati

Elena Pontoriero e Adriano Falanga,  

Scuole, allarme contagi: docente positivo a Casola, liceale contagiato a Scafati

Ancora allarme Covid nelle scuole della provincia di Napoli. Diversi contagi, tra alunni e docenti. Positivo un insegnante di sostegno della scuola Raffaele Iozzino di Casola. Circa 20 i ragazzini da sottoporre a tampone. Due le aule chiuse da ieri, ovvero da quando è arrivato l’esito del tampone effettuato al docente, residente a Gragnano, lievemente sintomatico. Tosse e qualche problema di respirazione avevano preoccupato l’insegnante che, quindi, aveva deciso di sottoporsi al test. «Due le classi di alunni delle medie, una prima e una seconda, che dovranno restare a casa come previsto dal protocollo. I ragazzi – spiega il sindaco Costantino Peccerillo – saranno tutti sottoposti al tampone che, in queste ore, stiamo decidendo se verrà eseguito direttamente a domicilio oppure presso i punti “Drive In” più vicini. Inoltre, proprio per tranquillizzare i genitori, abbiamo deciso di estendere la sanificazione a tutti gli ambienti, interni ed esterni, del plesso scolastico e non limitarci alle sole due aule interessate dal problema e le aree comuni. L’istituto Raffaele Iozzino, quindi, sarà chiuso nei due giorni di lunedì e martedì». Anche dieci docenti individuati come contatti diretti dell’insegnante faranno tampone. Nessun obbligo di quarantena fiduciaria, invece, per i genitori degli studenti. Arriva invece una buona notizia dal plesso Siano di Gragnano, del Parco Imperiale, per il risultato negativo del tampone di una maestra di Castellammare di Stabia, che era stata a contatto con una persona contagiata.

Contagiato pure un alunno di quinta del liceo Caccioppoli di Scafati. L’Asl ha disposto la chiusura e sanificazione dei soli spazi didattici interessati, con tampone e quarantena per compagni di classe e docenti. Intanto sul fronte della prevenzione ieri mattina è partita la stretta sui controlli in città. Dando seguito alle richieste di Salvati, le forze dell’ordine locali hanno avviato pattugliamenti a piedi e in auto per verificare il rispetto delle misure per il contenimento del contagio. «Abbiamo riscontrato il 95% di cittadini con la mascherina – sottolinea il sindaco – anche se non tutti correttamente».