Ercolano, disastro rifiuti. Inferno a Pugliano

metropolisweb,  

Ercolano, disastro rifiuti. Inferno a Pugliano

Dovrebbe essere la strada simbolo della città. Un patrimonio da difendere anche per sostenere gli imprenditori che con coraggio continuano a investire nel centro storico. E invece via Pugliano, la strada del mercato  e della storia di Ercolano, si ritrova travolta dal degrado. Al punto che gli imprenditori sono stati costretti – in assenza di pulizia – a ripulire da soli la strada. Come se non bastasse la crisi causata dalla pandemia che ha inferto un durissimo colpo al famoso mercato degli abiti usati, i commercianti sono stati costretti ad affrontare anche l’emergenza degrado.  A testimoniare questo drammatico scenario ci sono le foto che ritraggono i volti affranti di alcuni imprenditori di via Pugliano che la scorsa mattina, vicino alle proprie saracinesche, hanno trovato cumuli di rifiuti trasportati, probabilmente, dalla forte pioggia di questi ultimi giorni. «Questo è quello che dobbiamo subire, questo è quello che meritiamo nonostante le tasse comunali – spiegano infuriati – Guardate questa strada, c’è più immondizia che gente. Uno schifo totale e adesso noi dobbiamo ripulire tutto perché, già la situazione è difficile, la gente esce meno di casa e i consumi sono al minimo, poi se a invogliare lo shopping ci devono essere strade invase da un fiume di rifiuti, la situazione davvero precipita». E infatti la situazione è davvero precipitata a Pugliano dove, nonostante le denunce e gli esposti dei residenti e dei commercianti, a fare da cornice a un quartiere già difficile, c’è la spazzatura trasportata come un fiume in piena sulla strada e sui marciapiedi. Secondo quanto hanno spiegato gli storici volti del commercio locale, a causare questo scempio sarebbe stata la rimozione dei contenitori per i rifiuti. Ovvero, il Comune avrebbe rimosso i “classici bidoni” costringendo i residenti a depositare i sacchetti direttamente in strada, con un risultato assolutamente catastrofico, come rivelano le immagini. «Adesso ci chiediamo dove sono tutti quelli che si sono candidati alle elezioni, che fine hanno fatto? – prosegue la contestazione – siamo abbandonati, come sempre. Abbiamo visto i politici solo per chiedere il voto ma oggi che ci sarebbe da rimboccarsi le maniche, capiamo di essere soli». A tendere la mano al quartiere potrebbe, però, essere il sindaco Ciro Buonajuto che nel suo programma elettorale ha inserito proprio la riqualificazione di via Pugliano. Una serie di interventi mirati proprio a migliorare le condizioni del popoloso quartiere del centro storico e, a questo punto, inevitabilmente a rimodulare anche il piano relativo al conferimento dei rifiuti, che a quanto pare non funziona.