Tari, a Sorrento previste riduzioni per 400mila euro

Salvatore Dare,  

Tari, a Sorrento previste riduzioni per 400mila euro

Sorrento. Il momento è assolutamente complicato. Perché Sorrento si avvia a un lungo letargo invernale con lo spettro del Covid 19 e l’incubo di dover incappare nelle possibili nuove restrizioni dettate da governo centrale e Regione Campania finisce di acuire tensioni e difficoltà. Di turisti, italiani e stranieri, se ne sono visti pochi, sicuramente molto meno di qualche anno fa, prima che il mostro del coronavirus sconvolgesse tutto. Ecco perché è necessario che la pubblica amministrazione, con tutte le difficoltà del caso, si attivi affinché possa riconoscere agevolazioni e bonus alle famiglie e ai lavoratori messi a dura prova dall’emergenza economica e sanitaria. In tal senso, seppur sia un provvedimento simile a quelli già assunti in passato e varato praticamente da ogni ente locale, la possibilità di concedere tagli alla bolletta Tari è importante, preziosa. Si arriva, stando al regolamento approvato in consiglio comunale dalla precedente amministrazione, anche a tagli degli importi pari al cinquanta per cento. L’importo previsto delle riduzioni ammonta a circa quattrocentomila euro.

Tale beneficio riguarderà coloro che rispetteranno questi requisiti: nucleo familiare con indicatore Isee non superiore a 8.265 euro; nucleo familiare con almeno quattro figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore Isee non superiore a 20.000 euro; nucleo familiare titolare di reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza; nucleo familiare in presenza di un componente con invalidità al 100% e indicatore Isee non superiore a 20.000 euro. «La riduzione viene applicata in bolletta esclusivamente su richiesta dell’utente che attesti il possesso delle condizioni di ammissibilità allegando idonea documentazione Isee o ulteriore documentazione (quale ad esempio una bolletta o la comunicazione di ammissione ad altro bonus sociale) che attesti la titolarità di un bonus sociale elettrico e/o gas e/o idrico» si legge nell’avviso diramato dall’amministrazione comunale di piazza Sant’Antonino. Come a dire: ciò che si metterà nero su bianco all’interno delle dichiarazioni potrà essere comunque oggetto di scrupolosi controlli affinché si possa evitare che ci siano documentazioni fasulle e mendaci, come invece capitato nel corso dell’ultimo lockdown per l’ottenimento del bonus alimentare come già indicato da minuziose indagini portate avanti dalla Procura di Torre Annunziata e dalla guardia di finanza. Nel frattempo, sull’albo pretorio del Comune di Sorrento, è stata anche pubblicata la determina dirigenziale con cui l’amministrazione – sulla scorta del bilancio approvato precedentemente alle recenti elezioni Comunali – indica in circa novemila gli avvisi che verranno notificati ai contribuenti. L’importo complessivo ammonta a quasi sei milioni di euro (comprensivo di addizionale provinciale e arrotondamenti) al netto delle riduzioni per la pandemia stimate in 400mila euro.