Anche per Apple è il turno del 5G. Cosa c’è di nuovo negli iPhone 12?

Davide Capricano,  

Anche per Apple è il turno del 5G. Cosa c’è di nuovo negli iPhone 12?

Dopo aver rimandato la presentazione di più di un mese per gli standard di Apple, sono finalmente stati svelati i nuovi melafonini, ma alcuni li vedremo solamente a fine mese, per gli altri dovremmo aspettare addirittura novembre. Quest’anno l’azienda di Cupertino ha deciso di produrre ben 4 nuovi telefoni, insolito per Apple, portando a ben 7 modelli diversi di iPhone acquistabili sullo store ufficiale. Partendo dal prezzo a dalle dimensioni più contenute, i nuovi arrivati sono: iPhone 12 Mini, 12, 12 Pro, 12 Pro Max. Le novità introdotte in questa nuova generazione sono numerose ed interessanti, ad esempio tutti hanno la nuova connettività 5G e tra il 12 Mini e il Pro Max ci sono 450 euro di differenza. Con questa mossa Apple si è assicurata di coprire tutte le fasce di prezzo, offrendo così prodotti alla portata di tutti.

iPhone 12, finalmente un’evoluzione 

Un’altra novità importante è data dal display dei nuovi modelli. Per una volta Apple ha deciso di usare solo display di tecnologia oled, ciò significa che tutti i melafonini sono finalmente “senza bordi”. Inoltre tutti e 4 gli iPhone presentati hanno lo stesso processore, il che rende il 12 e il 12 Mini dei potenziali “best-buy”.

iPhone 12 Mini, la novità della pandemia

Nonostante Apple abbia subito numerosi rallentamenti nella produzione e progettazione dei nuovi modelli dovuti alla chiusura degli stabilimenti di produzione in Cina per la pandemia. Ha deciso di aggiungere un quarto smartphone alla line-up di quest’anno: la versione 12 Mini. Questo per accontentare una nuova fascia di utenti emersa durante la pandemia. Il nuovo iPhone ha infatti un display più compatto, e offre lo stesso processore della versione Pro Max ad un prezzo che per l’Italia è di 839 euro per la versione 64 Gb. Il prezzo non è proprio basso, però Apple ha mantemuto la promessa di mantenere gli stessi prezzi dello scorso anno. Abbiamo inoltre un ritorno del design che ha reso famoso i melafonini: quello a “mattonella” (iPhone 4/5), che rende questi iPhone sottili appena 7,4mme molto più leggeri della precedente generazione.

MagSafe: cos’è?

Nato inizialmente nel 2006 per i caricabatterie dei MacBook, MagSafe è un sistema di ricarica con l’aggiunta di magneti che migliora la qualità della carica dei computer. Apple quest’anno ha deciso di implementarlo con i nuovi iPhone. La ricarica in questione non è quella via cavo classica con il connettore Lightning ma quella wireless. Sul retro dei nuovi iPhone infatti è presente una serie di magneti, questi magneti si collegano con uno specifico cavo venduto da Apple e garantiscono una ricarica rapida e sicura, senza far scaldare lo smartphone. Uno dei problemi più comuni infatti della ricarica wireless è quello del surriscaldamento del dispositivo, dovuto ad uno scorretto posizionamento del dispositivo sulla base wireless; Apple ha eliminato questo problema aggiungendo magneti. Questi magneti inoltre aprono le possibilità ad una serie di accessori compatibili: ad esempio Apple vende anche un portacarte in pelle attaccabile magneticamente al telefono (anche se quelli che lo hanno provato, hanno detto che non è molto sicuro) o a supporti magnetici di smartphone per auto.Ora si aspettano solamente le recensioni, di questa nuova serie di prodotti, che potrebbe cambiare le carte in tavola nel mondo degli smartphone.

CRONACA