Il sindaco di Scafati: “Tuteliamo la salute, ma la gente ha fame”

vilam,  

Il sindaco di Scafati: “Tuteliamo la salute, ma la gente ha fame”

Scafati. «Io sto con i commercianti». Cristoforo Salvati, sindaco di Scafati, si schiera nella battaglia che vede contrapposte le fazioni che chiedono misure drastiche per sconfiggere il coronavirus e chi, invece, teme che il disastro sociale possa essere più grave di quello della pandemia.

Sindaco Salvati cosa è successo?

«Ieri mattina si è svolta, in modo pacifico e corretto, la manifestazione del commercianti scafatesi contro le ultime misure adottate dal governo centrale nell’ultimo DPCM. Ero a palazzo Mayer e sono stato invitato a scendere nel piazzale antistante al comune».

E lei che ne pensa? «Inutile dire che sono solidale con i commercianti e vicino alle loro difficoltà».

C’è una tensione sociale che non viene ascoltata?

«In questa seconda fase ho assunto, sin dal principio, una posizione di distanza e anche polemica rispetto a restrizioni eccessive perché ritengo che i cittadini debbano essere messi in condizioni di continuare a svolgere le proprie attività in sicurezza per se e per gli altri».

Nel rispetto delle regole.

«Dobbiamo adottare tutte le regole anti Covid e comportamentali tali da evitare la diffusione dei contagi ma non possiamo pensare di fermare l’economia. Da sindaco sto cercando di mettere in sicurezza anche il mercato settimanale per poi riaprirlo al pubblico. Sto insistendo per controlli sul rispetto delle regole più serrati e capillari sul territorio e domani incontrerò nuovamente i comandanti di polizia municipale, carabinieri e guardia di finanza per fare il punto della situazione su quanto è stato fatto e per chiedere uno sforzo ulteriore per il futuro».

Rispettare le regole, ma tutelare l’economia quindi? «Vi dico, fin d’ora che le attività commerciali dove si creano assembramenti che non saranno in grado di rispettare e fare rispettare le norme anticovid saranno fortemente penalizzate anche con multe salate ma solo per permettere di evitare un nuovo terribile lockdown. Chiedo a tutti i commercianti di collaborare per salvaguardare le proprie attività, per scongiurare chiusure. Come ente siamo già a lavoro per individuare risorse da destinare ai commercianti sotto forma di bonus sulla Tari. Naturalmente ci aspettiamo anche risorse dal governo centrale e regionale per poter offrire ulteriori aiuti».

CRONACA