Covid: a Napoli tenda dell’Esercito con venti posti letti al Cardarelli

Redazione,  

Covid: a Napoli tenda dell’Esercito con venti posti letti al Cardarelli

“Alle spalle del pronto soccorso sarà allestita nei prossimi giorni una tenda dell’esercito da 240 metri quadrati con venti posti letto, che ospiteranno pazienti covid che necessitano di osservazione ma non hanno gravi sintomi”. Lo afferma il direttore generale del Cardarelli di Napoli, Giuseppe Longo. “La struttura – spiega – sarà riscaldata e ci permetterà di decomprimere il pronto soccorso dove arrivano molti pazienti. Il momento è di forte pressione ma noi assisteremo tutti, non rifiuteremo mai un paziente”.

“La tenda dell’esercito sarà allestita nell’area tradizionalmente dedicata al parcheggio delle auto alle spalle del pronto soccorso, oggi i tecnici sono al lavoro per pianificarne l’istallazione. Credo potrà essere montata entro martedì-mercoledì”, lo afferma il direttore generale del Cardarelli Giuseppe Longo spiegando l’avvicinamento all’installazione della struttura dell’esercito per affrontare il covid19.

“Al suo interno – spiega Longo – lavoreranno i medici del Cardarelli. Nella nota della protezione civile nazionale è indicato che potrà essere fornito anche del personale, vedremo, per ora ci saranno i nostri medici e infermieri che stanno sostenendo uno stress molto forte ma lavorano con grande impegno, sanno di essere in un fronte di guerra”. La tenda contribuirà a decomprimere la pressione in particolare sul reparto di osservazione breve nel pronto soccorso (obi): “In questo momento i pronto soccorso sono sottoposti a una forte pressione – conferma Longo – soprattutto la sera capita che arrivino anche 7-8 ambulanze contemporaneamente e quattro auto private.

Noi accettiamo tutti, ho detto al personale che possiamo avere anche 50 pazienti insieme e non smetteremo di dare assistenza. Ma servono gli spazi per sopportare questa pressione e questa tenda ci aiuterà per i pazienti da tenere in osservazione con sintomi ma non gravi. Il programma è nazionale, riguarda diverse Regioni come il Piemonte, la Liguria e anche la Campania e noi del Cardarell siamo stati individuati per la fornitura della struttura”.

CRONACA