Faida nell’Ordine dei medici: una nuova lista contro il Presidente

metropolisweb,  

Faida nell’Ordine dei medici: una nuova lista contro il Presidente

Il Covid cancella la compattezza (una volta si sarebbe detto corporativismo) di una delle categorie professionali più unite del mondo del lavoro. Dopo anni di dominio incontrastato, infatti, l’attuale governance dell’Ordine dei Medici napoletano potrebbe essere messa in discussione. È stata presentata ieri la lista OrdiNataMente che ha proposto dei propri candidati per il rinnovo del Consiglio. Dopo anni in cui si è assistito alla presentazione di una sola lista a Napoli si ritorna alla contrapposizione dando la possibilità agli oltre 25mila iscritti di poter scegliere tra le proposte in campo. “Nei nostri confronti  – spiegano i componenti dell’associazione- c’è stato fin da subito un certo ostracismo. Regole e regolamenti quantomeno opinabili, oltre che l’assoluta inadeguatezza ad affrontare il periodo di emergenza (agevolazioni telematiche per medici in isolamento, ecc), hanno mostrato la non volontà ad una competizione sana e trasparente” si legge in una nota che lascia intuire che lo scontro è solo all’inizio. E la prima sfida si gioca sulla volontà della nuova lista di evitare, in un momento così complesso, la votazione in presenza: “ “Abbiamo chiesto un rinvio delle elezioni per poter procedere, come avvenuto già per altri ordini professionali, in modalità on -line. inizialmente non ci sono state risposte chiare, se non silenzi imbarazzanti, per poi arrivare, addirittura, a convocare tali elezioni dal vivo, contro qualsiasi logica di buon senso e tutela della salute della categoria medica”. Da qui l’affondo all’Ordine presieduto da Scotti: “Abbiamo l’impressione che la governance della categoria napoletana sia arroccata nella sua dinamica verticistica, più preoccupata a preservare uno status quo, che ad aprirsi alla naturale innovazione ed evoluzione della variegata moltitudine dei professionisti. Noi siamo portavoce dell’indignazione di una categoria intera mettendoci la faccia, sensibilizzando e denunciando, le istituzioni facciano il resto”. La richiesta delle votazioni on -Line è solo il primo tassello di una svolta che i medici che concorreranno con la lista OrdiNataMente intendono imprimere nel modo di intendere e interpretare la professione.

CRONACA