Nocera, disabili senza assegni per le cure. Esposto ai pm

Mario Memoli,  

Nocera, disabili senza assegni per le cure. Esposto ai pm

Nocera Inferiore. Non arrivano gli assegni per la cura dei disabili, parte la messa in mora con diffida al Comune di Nocera Inferiore: le famiglie richiedono il pagamento immediato delle mensilità arretrate. Nel frattempo Potere al Popolo dell’Agro Nocerino-Sarnese, che si schiera al fianco delle persone colpite dal disservizio, prepara azioni legali e avanza la richiesta di consiglio comunale monotematico sulla gestione dei servizi del Piano di Zona. Come preannunciato nei giorni scorsi, grazie agli avvocati dello sportello legale della Casa del Popolo “Cohiba” e alla determinazione di alcuni genitori di ragazzi e ragazze disabili, è stata protocollata una messa in mora con diffida al Comune di Nocera Inferiore, inviata per conoscenza anche all’Asl e alla Dirigenza delle Politiche Sociali della Regione Campania, per chiedere l’immediato pagamento delle mensilità arretrate degli assegni di cura. Si tratta di una querelle che sta facendo salire la tensione soprattutto in questo periodo di incubo lockdown.

Ad oggi risultano mancanti una mensilità di gennaio (più parte del mese di febbraio) e le mensilità di agosto, settembre e ottobre, per un totale di circa 5mila euro a persona. «In caso di mancata e immediata erogazione di queste mensilità, procederemo ad una denuncia penale per accertare altre responsabilità e valutare se ci sono stati abusi o omissioni da parte del Comune di Nocera Inferiore. Sono mesi che proviamo a dialogare per ottenere la risoluzione di un problema che va avanti da anni e di cui la politica locale sembra non volersi fare carico. Se c’è un problema nella gestione e nell’erogazione di questi assegni di cura, va risolto a monte e definitivamente» fanno sapere anche le famiglie interessate. Come Potere al Popolo dell’Agro Nocerino-Sarnese «proponiamo l’istituzione di un’Azienda Speciale Consortile tra i Comuni aderenti al Piano di Zona S01, che si occupi di tutti i servizi socio sanitari di competenza e invitiamo i Consiglieri Comunali di maggioranza e di opposizione a farsi portatori in Consiglio Comunale di una proposta che vada in tal senso. Nel frattempo, non staremo ad aspettare! Abbiamo preparato un atto d’indirizzo con la nostra proposta. Appena sarà possibile, come prevede lo Statuto per la presentazione di una proposta di Delibera di Consiglio Comunale, lo sottoporremo alla firma di 500 cittadini di Nocera Inferiore». A luglio scorso il Comune nocerino liquidò la somma di quasi 300mila euro (provenienti dalla Regione Campania) per i mesi di marzo, aprile, maggio, giugno e luglio.

CRONACA