Santa Maria la Carità, nonno Michele ha sconfitto il virus: «Finalmente abbraccio i nipotini»

Elena Pontoriero,  

Santa Maria la Carità, nonno Michele ha sconfitto il virus: «Finalmente abbraccio i nipotini»

Santa Maria la Carità. Nonno Michele, 80 anni superati da poco, può finalmente abbracciare i suoi nipotini dopo aver sconfitto il nemico invisibile dei nostri tempi: il Covid. L’anziano ha scoperto di essere contagiato e ha seguito le cure a casa, riuscendo a bloccare velocemente l’aggravarsi dei sintomi causati dal coronavirus. Un contatto con un caso positivo scoperto in famiglia e i tamponi erano stati richiesti per tutti i parenti maggiormente esposti a rischio, tra cui nonno Michele che, in effetti, non presentava grossi problemi di salute. Nonno Michele ha dovuto rinunciare alla cura del suo giardino dove è ritornato pochi giorni fa, dopo la negatività. Un ultra ottantenne, tra i più anziani sammaritani attualmente guariti, che ha guardato in faccia quel virus che fa paura e con la forza non si è fatto abbattere, così da essere lui a rincuorare i familiari più giovani. Non ha esitato a rispettare quanto stabilito per chi contrae il Covid, isolandosi fin dal giorno del sospetto e fino all’avvenuta guarigione. Nonno Michele si è curato in casa e a lui non è mai mancato l’affetto dei familiari, anche se doveva starne lontano. Forse la maggior mancanza è stata quella di non abbracciare i suoi piccoli nipoti che, però, sentiva telefonicamente e riusciva a salutare attraverso le videochat. Un esempio che serve da incitamento per chi è contagiato tanto che la foto di nonno Michele viene divulgata sul profilo social del sindaco Giosué D’Amora, tra un bollettino che indica un aumento di casi positivi e le avvertenze per cercare di contrastare il diffondersi del virus: «In questi giorni stiamo riscontrando anche diverse guarigioni. Tra queste è preziosa quella di nonno Michele (che ha superato da un po’ gli 80 anni) e ha vinto anche questa prova supportando, tra l’altro, i piccoli familiari conviventi – annuncia il primo cittadino – Condivido questa notizia per rincuorare un po’ tutti i contagiati e/o isolati di Santa Maria la Carità e dei paesi limitrofi che sono molto preoccupati. Andrà tutto bene se continueremo a rispettare i dispositivi anti-Covid». Una luce di speranza che illumina un tunnel ancora lungo da percorrere. Ma anche quella fievole luce deve essere da sprono per tutti, così come è servita a nonno Michele per superare una battaglia non certo facile.

CRONACA