Virus negli ospizi: 2 morti a Pimonte, 12 contagi a Meta e a Torre del Greco 20 casi

Elena Pontoriero,  

Virus negli ospizi: 2 morti a Pimonte, 12 contagi a Meta e a Torre del Greco 20 casi
L'ospizio di Pimonte

Due vittime nell’ospizio di Pimonte più nove contagi all’interno della struttura “Il Gelsomino”. Altre 12 positività in una Rsa di Meta. E attesa, a Torre del Greco, per l’esito del test che hanno effettuato gli ospiti di Villa del Sole, casa di riposo dove ci sono già 20 positivi. Il virus attacca gli anziani e nelle strutture della provincia di Napoli sale la tensione.

Pimonte, due morti

Esplode focolaio nella casa di riposo di Pimonte, perdono la vita due anziani. Entrambi erano risultati positivi al Covid 19. La notizia ha sconvolto l’intera comunità di Pimonte. Nella piccola città dei Lattari aumenta la preoccupazione anche perché ieri ci sono stati altri contagi: in totale, ora vi sono 56 casi di Covid, con nove guariti. Si teme il peggio per gli altri ospiti della struttura: nell’ospizio ci sono altri quattro contagiati. In maggioranza, c’è anche una spaccatura per la comunicazione a singhiozzo decisa dall’amministrazione Palummo «E’ giusto informare i concittadini sull’andamento epidemiologico che si registra sul nostro territorio. Pimonte è in Italia, non è uno Stato a parte, ma spesso la gestione della res pubblica diventa più che altro decisione di pochi. E’ vergognoso quanto accaduto nell’ospizio, spero che il sindaco e la giunta abbiano preso celeri provvedimenti, nonostante buona parte della maggioranza resta sempre all’oscuro», si sfogano nelle chat alcuni degli alleati del sindaco Palummo.

Torre del Greco

Situazione sotto controllo, ma alta tensione tra gli operatori e i familiari degli ospiti. Il day after la scoperta di un focolaio tra gli anziani di Villa del Sole – la casa di riposo realizzata all’interno dell’ex hotel Sakura di via De Nicola – trascorre tra le rassicurazioni dei vertici della struttura sanitaria e le apprensioni per la salute dei venti contagiati dal Covid-19, in larga parte d’età compresa tra i 70 anni e i 90 anni. «Le condizioni di salute degli ospiti non sono preoccupanti – spiegano i titolari della struttura – I positivi sono tutti asintomatici e tenuti costantemente sotto osservazione. Abbiamo applicato i protocolli sanitari già sperimentati durante la prima ondata del virus, quando non furono registrati contagi». Stavolta, invece, a fare saltare il banco sul fronte-sicurezza sarebbero stati gli operatori socio-sanitari. Lo screening all’interno della casa di riposo, infatti, era scattato dopo la scoperta della positività al Covid-19 dell’assessore Lucia Giordano in servizio a Villa del Sole. Il primo giro di tamponi ha fatto emergere venti contagi, mentre sono attesi gli esiti di ulteriori test: gli ospiti positivi sono stati posti in isolamento domiciliare all’interno di stanze singole, separate dai restanti ospiti. «La situazione è sotto controllo – ribadiscono i vertici della casa di riposo – ma manterremo alta l’attenzione per garantire la massima sicurezza ai nostri anziani e alle loro famiglie».

Contagi a Meta

Il Covid galoppa e colpisce anche nella rsa di Meta, Villa Simpliciano. Qui ci sono dodici persone risultate positive al coronavirus. Della vicenda ne è stata interessata l’Asl Napoli 3 Sud e il sindaco Giuseppe Tito ha confermato l’impennata dei contagi in città. Sia chiaro: al momento la situazione è monitorata di ora in ora e l’amministrazione sta dialogando e lavorando fattivamente con i vertici della struttura per anziani. Tito è infuriato anche con l’Asl, perché – come ha già chiarito sui social – non arrivano più le comunicazioni circa i tamponi processati. Tanto che il primo cittadino ha chiarito che gli stessi pazienti sono tenuti a comunicargli direttamente l’esito dei test. C’è tensione, anche a causa del boom di presenze registrato ieri sul lungomare. Tito ha firmato un’ordinanza con cui chiude spiagge e passeggiata.

CRONACA