Castellammare, una cordata di imprenditori rileva l’Hotel Stabia

metropolisweb,  

Castellammare, una cordata di imprenditori rileva l’Hotel Stabia

Castellammare. La primavera, che si spera coinciderà anche con la fine dell’incubo Covid, potrebbe vedere una bella novità all’orizzonte per Castellammare. E’ stato formalizzato in questi giorni, infatti, il compromesso d’acquisto dell’Hotel Stabia da parte di una cordata di imprenditori cittadini. Quattrocentomila euro la prima tranche che verrà versata da un gruppo di imprenditori che già gestiscono alcune strutture ricettiva nella zona panoramica di Castellammare. Riaprirà i suoi saloni e le sue terrazze con una meravigliosa veduta sul mare e sul golfo di Napoli uno degli alberghi più belli della città e dell’intero comprensorio. A firmare l’acquisto i legali rappresentanti di una neonata società “Città delle acque” che punta ad intervenire subito con una serie di lavori per riammodernare la struttura in modo da essere pronti alla riapertura già per l’estate 2021. L’Hotel Stabia è chiuso dal mese di marzo del 2018. Agli inizi di quel mese i sigilli furono affissi su disposizione del giudice del Tribunale di Torre Annunziata Massimo Palescandolo e del curatore Giuseppina Acampora che decretarono il fallimento della Turinvest srl, la società della famiglia Di Somma che lo gestiva. Tutto per un debito di appena 700mila euro – tre anni di fitti non pagati – nei confronti della società proprietaria dell’immobile, di cui faceva parte anche un socio della stessa Turinvest.  Per alcuni mesi vi furono trattative, arrivate anche in dirittura d’arrivo, con un’altra cordata di imprenditori e professionisti stabiesi che era sul punto di rilevare la struttura ricettiva. Poi, però, non se ne fece più nulla. Il Covid e la crisi dell’intero comparto turismo, in questo periodo, avevano fatto temere il peggio. Le luci spente del gigante che affaccia sul lungomare sono sempre state per gli stabiesi una ferita insopportabile. Un albergo che ha spesso ospitato non solo momenti di vita privata di migliaia di cittadini, ma ha anche fatto parte della storia della città.  Fondato nel 1876 da Francesco Paolo la gestione passò al figlio – il giornalista Achille Gaeta. L’Hotel Stabia ha ospitato, tra gli altri, anche il poeta Gabriele D’Annunzio e, nelle epoche più recenti, i grandi leader della Democrazia Cristiana hanno tenuto comizi di fronte a grandi platee nella sala convegni dell’albergo. L’Hotel, dopo i danni subiti a causa del terremoto del 1980, fu ristrutturato e riaperto nel 1988. Correva l’anno della storica medaglia d’oro alle Olimpiadi degli Abbagnale e proprio nell’albergo di corso Vittorio Emanuele i fratelloni del canottaggio italiano decisero di festeggiare con i loro tifosi. Lì decise di alloggiare anche Lucio Dalla, prima del concerto che incantò Castellammare e lì hanno sfilato i leader politici degli ultimi anni. Dall’ex governatore della Regione Campania Antonio Bassolino, all’ex ministro Ferruccio Fazio. L’ultimo, in ordine di tempo, è stato il ministro della Giustizia Andrea Orlando che nel 2016 arrivò a sostenere la candidatura a sindaco di Antonio Pannullo.

CRONACA