Castellammare, individuata l’area per la nuova fabbrica: oggi gli operai firmano i contratti

metropolisweb,  

Castellammare, individuata l’area per la nuova fabbrica: oggi gli operai firmano i contratti

Castellammare. Alla fine il sogno di lavorare non solo a Castellammare, ma addirittura in una fabbrica che sorgerebbe a poche centinaia di metri dalla vecchia sede sta per diventare realtà. Oggi i 65 operai dell’ex Meb firmeranno con Vescovini. Ma ieri, nella conferenza dei capigruppo che si è tenuta, finalmente, è stata svelata quella che potrebbe essere la sede dove sorgerebbe la nuova azienda del gruppo Vescovini. Si tratta di una vasta area in via De Gasperi, confinante con gli ex Molini Nuova Daunia e che si estende dall’altro lato della Ferrovia. L’area, di quasi 40mila metri quadrati, è di proprietà dell’ingegnere Antonio Ruocco che si è detto disponibile a costruire i nuovi capannoni. Una disponibiità importante anche perché su quell’area già insistono i permessi necessari alla realizzazione di opifici industriali. Una svolta, dunque, attesa da giorni che ora potrebbe diventare realtà. Nei prossimi giorni ci sarà un contatto tra il proprietario dell’area e Vescovini. Se a quest’ultimo va bene e troveranno un accordo sul fitto, si andrà avanti con l’iter burocratico. In questo modo, dunque, così come concordato con il Ministero dello Sviluppo Economico e con il Comune si passerebbe alla fase due, quella operativa. Due le necessità di cui si dovrà far carico la Regione: inserire quell’area in zona Asi (area di sviluppo industriale), per consentire di realizzare un capannone di 10mila metri quadri, e inserire l’area in zona Zes (zone economiche speciali), per garantire agevolazioni fiscali. Passato questo guado, così come era stato stabilito al tavolo delle trattative, la vicenda si sbloccherà. La realizzazione dei capannoni dovrebbe portar via un anno, al massimo 18 mesi entri i quali, però, così come previsto dagli accordi, i lavoratori stabiesi faranno formazione nelle aziende venete del Gruppo Vescovini. Quindi il ritorno a Castellammare.

CRONACA