Omofobia a Torre del Greco: giovane inseguito e preso a calci

Redazione,  

Omofobia a Torre del Greco: giovane inseguito e preso a calci

TORRE DEL GRECO  – Inseguito, spinto a terra e preso a calci solo perché omosessuale. Un video, postato sui social e riferito ad una aggressione di presunto stampo omofobo avvenuta nella parte periferica di Torre del Greco, sta facendo indignare gli utenti di Facebook. A denunciare la vicenda è il consigliere regionale della Campania, Francesco Emilio Borrelli (Europa Verde): ”Ci hanno inviato un video che sarebbe stato girato in via Nazionale a Torre del Greco – dice Borrelli in una nota – dove si è consumata una vile aggressione, sembra di chiara matrice omofoba, ai danni di un indifeso che oltre ad essere stato rincorso e scaraventato al suolo è stato preso a calci da due squadristi codardi. La vittima ha provato a scappare e urlare ma è stato braccato e ha dovuto sottostare ai calci degli aggressori”. Ad inviare il video all’esponente del consiglio campano è stato il rappresentante territoriale di Europa Verde, Michele Lunella.

Finora la vicenda, stando a ciò che trapela, non è però stata ancora segnalata a carabinieri e polizia. ”Abbiamo provveduto a girare le immagini alle forze dell’ordine – prosegue il consigliere regionale di Europa Verde – affinché procedano all’identificazione dei due vigliacchi, perché siano denunciati. Episodi del genere sono inaccettabili, sanno di prevaricazione e pregiudizi intollerabili. Niente può giustificare l’esercizio della violenza e della prepotenza, nessuno può decidere deliberatamente di agire a scopo intimidatorio contro altri”.

Sul caso interviene anche il sindaco Giovanni Palomba: ”Personalmente ho appreso della vicenda solo attraverso i social. Noto che doveva essere tarda ora visto che la zona, seppur periferica, è comunque inserita in un contesto urbano assai popolato. Se i fatti denunciati si dovessero rivelare reali, non possiamo che condannare l’accaduto e auspicare l’identificazione degli autori di questa vile aggressione”.

CRONACA