Torre del Greco, diffida al presidente-lumacone: «Subito il consiglio comunale»

Alberto Dortucci,  

Torre del Greco, diffida al presidente-lumacone: «Subito il consiglio comunale»
L'avvocato della maggioranza Gaetano Frulio

Torre del Greco. Finisce sotto i riflettori del prefetto Marco Valentini la «melina» con cui il presidente del consiglio comunale Gaetano Frulio ha frenato la richiesta di convocazione di una seduta monotematica dell’assise avanzata dai sei dissidenti della maggioranza. A gettare nuova benzina sul fuoco delle polemiche politiche a palazzo Baronale sono stati proprio i sei esponenti della federazione di liste civiche «Il Cittadino Ora Svolta», pronti a diffidare il «garante» del consiglio comunale: «Con richiesta presentata il 27 gennaio scorso – si legge nella missiva inviata al prefetto di Napoli e allo stesso Gaetano Frulio – i sottoscritti consiglieri comunali avanzavano richiesta di convocazione di una seduta monotematica dell’assise per discutere la delibera relativa alla realizzazione di un centro servizi della Nu all’interno del mercato ortofrutticolo di viale Sardegna».

Un tema particolarmente «caro» al sindaco Giovanni Palomba, al punto da rappresentare uno dei principale motivi di discussione in maggioranza. Per evitare lo scontro in aula, tuttavia, il primo cittadino aveva successivamente ritirato il provvedimento. «La nota firmata dal sindaco non basta perché non ha valenza deliberativa – la tesi dei sei federati – pertanto si invita e si diffida il presidente del consiglio comunale a disattendere la richiesta del sindaco e a convocare entro e non oltre il termine di 20 giorni la seduta monotematica dell’assise sul centro servizi della Nu».

I venti giorni scadranno martedì 16 febbraio, quando poi – salvo provvedimenti last minute del presidente «lumacone» del consiglio comunale – potrebbe essere direttamente il prefetto Marco Valentini. A cui, evidentemente, non manca il lavoro legato alle vicende politiche e non solo di palazzo Baronale.

@riproduzione riservata

CRONACA