Slitta ancora il servizio di sosta a pagamento a Boscoreale, ma l’azienda programma 5 assunzioni

Pasquale Malvone,  

Slitta ancora il servizio di sosta a pagamento a Boscoreale, ma l’azienda programma 5 assunzioni

Strisce blu a pagamento: ancora un rinvio per causa Covid. L’avvio del servizio nella città di Boscoreale era atteso per gli inizi di febbraio ma con l’entrata in vigore della zona arancione decisa dal Ministero della Salute per l’elevato numero di contagi, è stato stabilito di far slittare la sottoscrizione del contratto con la Publiparking, azienda che dovrà gestire il servizio di sosta all’ombra del Vesuvio. La società si è aggiudicata la gara per la gestione integrata delle aree di sosta a pagamento per i prossimi cinque anni. Il valore complessivo dell’appalto sfiora il milione di euro. L’iter era stato approvato dalla giunta Balzano nel 2016, ma è con l’esecutivo guidato dal sindaco Antonio Diplomatico che si è passati alla fase operativa. Il prossimo step prevede un bando per la selezione di 5 addetti al controllo della sosta oraria e un amministrativo, e l’installazione dei parcometri. Da quanto si apprende, il servizio sarà attivato non appena la situazione epidemiologica migliorerà. Il bando prevede aree di sosta principalmente nel centro cittadino, stabilendo numero di posti auto (strisce blu) e aree riservate a persone con disabilità. L’appalto è stato aggiudicato secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Con l’assunzione dei cinque ausiliari, si dà più ossigeno al comando di polizia locale che potrà impegnare i suoi uomini per altri compiti. Il costo sarà di 60 centesimi all’ora, ma la tariffa sarà comunque rapportata al tempo effettivo della sosta. Ovvero, il sistema di pagamento dovrà prevedere anche la frazione dell’ora, calcolata sul valore di 30 centesimi e l’automobilista avrà la possibilità di parcheggiare anche per il tempo necessario al disbrigo delle commissioni. L’orario di sosta prepagata è previsto dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00, in tutti gli altri orari, la sosta sarà libera. La tariffa sarà di euro 0,60 per ogni ora, con frazione minima di euro 0,50. I dipendenti delle strutture pubbliche che espletano servizio sul territorio comunale, potranno sottoscrivere un abbonamento mensile di euro 20,00. Sono tredici le aree di sosta individuate per dodici parcometri nel progetto approvato dalla giunta Diplomatico. Tra queste, il parcheggio della Circumvesuviana, il mercato settimanale di via Passanti e Piazza Vargas. Nel centro storico, invece, Piazza Pace, via Matteotti, via Gramsci e via San Felice. A queste strade si aggiungerà anche la gestione dell’area di sosta che dovrà essere realizzata a servizio del centro storico e sulla quale amministratori e tecnici sono ancora al lavoro per sbloccare alcune criticità di natura burocratica. Dettagli, a quanto dicono, che stanno facendo la differenza nella definizione di un progetto atteso soprattutto dai negozianti della zona. Un’opera che potrebbe rilanciare il concetto stesso di commercio cittadino in un’ottica di sviluppo economico e occupazionale. Tornando alle strisce blu, la piccola ma sostanziale rivoluzione che attende i cittadini di Boscoreale potrebbe arrivare già ad aprile. Sempre che l’emergenza Covid non metta altri bastoni fra le ruote. @riproduzioneriservata

CRONACA