Napoli, Mertens guida l’assalto alla zona Champions

Redazione,  

Napoli, Mertens guida l’assalto alla zona Champions

Un sorriso che gli mancava dal 3 dicembre, dal gol contro l’Alkmaar in Europa League. Un sorriso che i tifosi aspettavano ed è tornato, quello di Dries Mertens, il superbomber di tutta la storia azzurra, tornato a segnare contro il Benevento, il bomber tornato per l’ultimo obiettivo della stagione, il tentativo di scalata al quarto posto e alla Champions League. La caviglia ormai sta bene, Mertens ha voglia di giocare e finalmente ha restituito una punta titolare a Gattuso. La buona notizia accompagna il primo passo del Napoli nella risalita: la vittoria sul Benevento significa l’aggancio alla Lazio e l’avvicinamento alla Roma che è al quinto posto con un solo punto in più di Insigne e compagni. La scalata è ancora lunga ma possibile, visto che Atalanta e Juve sono terza e quarta con tre punti più del Napoli.

Rino Gattuso ci crede. La sua posizione al momento si è rafforzata ma vuole subito risposte dal lato doloroso, le trasferte. Lontano dal Maradona, compresa la finale di Supercoppa a Reggio Emilia, il Napoli ha infatti perso le ultime sei partite tra campionato e coppe. Una curva disastrosa che Gattuso deve cercare di invertire. Potrebbe essere un segnale di insicurezza, anche se gli stadi sono vuoti, comunque qualcosa manca alla squadra e tocca a tecnico capirlo.

Al Maradona, invece, la musica è del tutto diversa visto che ieri è arrivato il quarto successo di fila in serie A senza subire gol, un record che il Napoli non realizzava da dieci anni, dal 2011. Ora per la rimonta serve continuità, e il Napoli sa di dover portare a casa sei punti dalle sfide contro Sassuolo e Bologna per restare al passo e far sentire il fiato sul collo delle prime. Lo farà con Mertens, aspettando il ritorno della stella di questa stagione, Lozano fermo dal 15 febbraio per la distrazione di secondo grado alla coscia e che oggi ha fatto allenamento da solo in campo e terapie. Ci vuole un po’ anche per rivedere in campo Osimhen, che continua ad allenarsi a parte per vedere l’evoluzione dopo lo svenimento in campo a Bergamo. Si è allenato in gruppo, per una parte della seduta, invece Manolas, il cui rientro sembra vicino: Gattuso lo valuterà anche perché Koulibaly è stato squalificato dopo il rosso con il Benevento.

CRONACA