Nocera Inferiore risanamento del bacino idrografico del fiume Sarno, sinergia tra Gori e amministrazione comunale

Redazione,  

Nocera Inferiore risanamento del bacino idrografico del fiume Sarno, sinergia tra Gori e amministrazione comunale

Nell’ottica della salvaguardia dell’ambiente, e delle attività finalizzate al risanamento del bacino
idrografico del fiume Sarno, sono stati presentati questa mattina, presso il Municipio di Nocera
Inferiore, i risultati conseguiti grazie all’impegno di GORI e Amministrazione Comunale nel contrasto
agli scarichi industriali in ambiente. Un esempio di virtuosa collaborazione istituzionale, che potrà
essere replicato anche su altri territori, e che si integra con le azioni introdotte nell’ambito del
progetto di GORI denominato Energie per Il Sarno: il tavolo di concertazione al quale partecipano le
33 amministrazioni comunali ricadenti nell’area sarnese, con l’obiettivo di mettere insieme sforzi,
intenti e progettualità per contribuire al progressivo risanamento del corso d’acqua e dei suoi
affluenti.
“Sono state 42 le aziende operanti sul territorio sarnese che nel corso dell’ultimo anno abbiamo
sottoposto a controlli tecnico-amministrativi e controlli di conformità degli scarichi – sottolinea
l’Amministratore Delegato di GORI, Giovanni Paolo Marati – Un’attività svolta insieme
all’Amministrazione Comunale, che nasce dall’esigenza di creare un piano di azione condiviso,
finalizzato al controllo e al censimento degli scarichi fognari, a cui si aggiunge anche il protocollo
d’intesa sottoscritto da GORI con ANICAV”. L’impegno per il fiume Sarno e l’ambiente, infatti, passa
anche attraverso la gestione delle acque reflue industriali, e l’attivazione di un’ulteriore sinergia che
tenga conto dell’efficacia dei processi di depurazione senza pregiudicare gli aspetti produttivi di un
tessuto, quello conserviero, che caratterizza il territorio agro-nocerino sarnese.
“Oggi rendicontiamo una parte delle attività avviate negli ultimi mesi, che sono state volute dalla
nostra amministrazione comunale e che GORI sta portando avanti come soggetto deputato al
controllo. Abbiamo criticità note che non sono solo relative agli scarichi civili ma anche al
monitoraggio delle aziende che sversano in maniera irregolare, e che stiamo cercando di sottoporre a
controllo e gestire attraverso questo lavoro capillare che GORI sta portando avanti in maniera
doviziosa, con l’affiancamento del Comune, della Polizia Municipale, dell’Ufficio Ambiente e del
Suap” dichiara il Sindaco, Manlio Torquato.
Lo scorso 25 gennaio, inoltre, GORI ha avviato il primo lotto dei lavori di completamento della rete
fognaria nel comune di Nocera Inferiore: un’opera finanziata dalla Regione Campania per tre milioni
di euro, che sarà ultimata nell’arco dei prossimi diciotto mesi, e che fa parte del Protocollo d’Intesa
sottoscritto da Regione Campania, EIC e GORI per il “Completamento degli interventi fognario-
depurativi del bacino idrografico del fiume Sarno”. Un intervento che consentirà di collettare i reflui di oltre 15.000 abitanti equivalenti all’impianto di depurazione di Angri, con la conseguente chiusura di 9 scarichi fognari dei 15 individuati da GORI nei torrenti Cavaiola, Solofrana ed Alveo Comune Nocerino. Ai lavori attualmente in corso seguiranno poi il secondo e terzo lotto di interventi che, nel 2025, sigilleranno il completamento della rete fognaria sull’intero territorio comunale, nell’ambito di un ampio disegno tecnico che vede coinvolti l’Ente Idrico Campano, con il suo fondamentale ruolo di coordinamento, e la Regione Campania, e che punta alla progressiva risoluzione dell’emergenza ambientale che interessa il fiume Sarno, intervenendo positivamente anche per il disinquinamento
dell’intero golfo di Napoli.
“Grazie alla paziente e continuativa collaborazione con altri enti possiamo finalmente comunicare ai
cittadini i primi risultati di queste attività congiunte, che proseguono e che sono sempre state nella
nostra agenda politica. Si tratta però di problematiche complesse, che vanno gestite in maniera
interistituzionale, con un comune obiettivo e con competenze e strumenti condivisi, che sono
esattamente quelli che stiamo mettendo in campo” conclude l’Assessore alle Politiche per l’Ambiente
e l’Ecologia, Nicoletta Fasanino.

CRONACA