Elezioni del Forum Metropolitano, Coccia e Iorio: “Le accuse dei giovani sono strumentali”

vilam,  

Elezioni del Forum Metropolitano, Coccia e Iorio: “Le accuse dei giovani sono strumentali”
Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, presiede il consiglio della Citta Metropolitana a margine del quale Ë intervenuto criticamente sulla scelta del premier Matteo Renzi che ha nominato Salvatore Nastasi commissario per la bonifica dell'ex area Italsider a Bagnoli. "Ci troviamo di fronte - ha detto - a un abuso di potere del presidente del Consiglio". Napoli, 24 settembre 2015. ANSA / CIRO FUSCO

La lettera firmata da 24 rappresentanti dei Forum dei giovani della provincia di Napoli in cui si accusa il sindaco della Città Metropolitana, Luigi de Magistris, di boicottare le convocazioni dell’assemblea che dovrebbe eleggere il Forum Metropolitano dei giovani, non piace ai rappresentanti politici della maggioranza di Dema. Elena Coccia, avvocato e consigliere comunale a Napoli e Katia Iorio, consigliera della Città Metropolitana di Napoli delegata alle politiche giovanili, rispediscono al mittente le polemiche di queste ore. “Forse i giovani del Forum non lo sanno ancora, ma in questi ultimi mesi stiamo combattendo contro una pandemia. Fare una polemica del genere mi sembra davvero fuori luogo” esordisce l’avvocato Elena Coccia, irritata per l’intempestività dello scontro politico. “Oggi tutte le attività che richiedono una presenza non si possono fare. Del resto potremmo mai organizzare in maniera digitale le elezioni del forum? Probabilmente anche i consigli comunali non si potrebbero fare online e noi li facciamo in presenza altrimenti non si ha la corretta sensazione della discussione politica” continua l’avvocato Coccia. Che annuncia anche di aver parlato col capo di gabinetto della Città Metropolitana: “Possiamo pensare di convocare la riunione quando finirà la zona rossa, il 7 aprile prossimo. In quella data potremo indire le elezioni che si faranno quando il governo ce le farà fare. Del resto se anche le elezioni amministrative di importanti comuni italiani si faranno a settembre si comprende come la situazione sia straordinaria e di emergenza”. I giovani, però, proprio nei confronti dell’avvocato Coccia e della consigliera Iorio avevano speso parole positive:  “Quello statuto nel bene e nel male ho contribuito a scriverlo e prevede proprio queste forme di democrazia. Anche la questione posta come non rinviabile, quella del recovery plan, mi sembra intempestiva perché ancora non sappiamo se la Città Metropolitana sarà beneficiaria di fondi: per questo tutto ciò mi sembra davvero un’azione poco tempestiva. E’ un attacco strumentale al sindaco: il quale, però, aveva solo sostenuto che avrebbe voluto essere presente all’assemblea elettiva”. Anche Katia Iorio prova a stemperare i toni: “Non è vero che si è arenato tutto, la pandemia ha solo allungato i tempi. Il sindaco ha voluto in prima persona che si facesse il Forum, vedere questo attacco, personalmente, mi ha fatto male. Ma noi non abbiamo nulla da rimproverarci avendoci messo tutto l’impegno pur essendo al termine della consiliatura”. La Iorio difende il suo lavoro: “Ci siamo incontrati e confrontati su tutto, abbiamo deciso insieme i prossimi passaggi. Decidere di alzare la polemica ora non è stata un’iniziativa geniale. Anche perché la Città metropolitana in questo periodo è un palazzo fantasma. Sono tutti in smart working, come si fa a portare avanti questa polemica?” conclude Katia Iorio.

CRONACA