Castellammare. Sul porto stabiese nascerà un mercato del pesce

Tiziano Valle,  
Redazione,  

Castellammare. Sul porto stabiese nascerà un mercato del pesce

L’immagine è un po’ vintage, ma per certi versi affascinante: i pescatori che rientrano in porto dopo aver trascorso la notte in mare, raggiungono la banchina, espongono tutto ciò che sono riusciti a pescare e lo battono all’asta, vendendolo al miglior offerente. Quest’immagine che sembra uscita da un quadro d’epoca in realtà è un progetto che presto sarà realizzato a Castellammare.

Il mercato del pesce nascerà sul porto in località Banchina Mare Morto. L’amministrazione comunale avrebbe voluto realizzarlo nei pressi dei Magazzini Generali, all’Acqua della Madonna, ma c’è stato il parere contrario della Capitaneria di Porto che ha rappresentato come l’attività dei pescatori avrebbe potuto essere d’intralcio a quella da diporto e dei traghetti che partono per Capri. Il Comune investirà poco più di 200mila euro per realizzare questo progetto, curato dall’ex assessore Giovanni Russo.

Nella giornata di ieri, il dirigente del settore Lavori Pubblici, Giuseppe Terracciano, ha dato il via libera alla procedura per individuare la ditta che dovrà eseguire i lavori. Gli interventi previsti riguardano la costruzione di una piccola struttura che dovrà ospitare gli uffici e i servizi igienici, la realizzazione di una vasca per la raccolta dei residui colati durante le operazioni di sbarco, la pavimentazione delle aree, il collegamento all’illuminazione pubblica e l’installazione di colonnine per la fornitura di acqua ed energia elettrica alle imbarcazioni.

Insomma, tutto il necessario per poter dare vita a quest’attività. Secondo l’amministrazione comunale si tratta di un modo per valorizzare e incentivare un settore in crescita. L’esplosione del food degli ultimi anni spinge chef e semplici appassionati ad andare alla ricerca di prodotti freschi, di qualità e in alcune località italiane dove tradizionalmente si tiene l’asta del pescato, questa attività è diventata anche una sorta di attrattiva per persone che arrivano da altre zone. L’amministrazione spera possa essere così anche a Castellammare.

CRONACA