Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

Gennaro Annunziata,  

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso
È dotato di un eccellente touchscreen AMOLED da 1.39″, con risoluzione 454×454 pixel e densità di 326 PPI

La popolarità di Xiaomi, per quanto riguarda i dispositivi indossabili, è legata principalmente alla linea Mi Band, i fitness tracker che hanno avuto un grande successo commerciale grazie alle elevate prestazioni unite a prezzi molto abbordabili, fedeli alla filosofia “innovazione per tutti” del produttore cinese.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

Mi Watch, primo smartwatch del brand asiatico è, da inizio anno, disponibile anche in Italia. Costruito con materiali di buona qualità, ha un design senza fronzoli che si adatta ogni tipo di stile, dai più sportivi fino ai fashion addicted, così da poter essere sempre indossato nella vita di tutti i giorni.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

La sua cassa circolare dal diametro di 46 mm in poliammide rinforzata con fibra di vetro è disponibile in 3 colorazioni (nero, blu e beige) con finitura superficiale satinata.

Quasi impercettibile sul polso, grazie al peso ridottissimo (32 g) e ad uno spessore di soli 11,8 mm, il Mi Watch assicura il massimo comfort anche facendone un uso prolungato e lasciandolo sul polso durante la notte.

Il cinturino in silicone, di larghezza standard (22 mm), ha un comodo sistema di aggancio a molla agli aggetti e, volendo, si può sostituire con un ricambio di terze parti.

L’orologio di Xiaomi, che trasmette una rassicurante sensazione di solidità, è anche impermeabile fino a 5 atmosfere, quindi si può immergere senza problemi in acqua fino ad una profondità di 50 metri.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

Il quadrante è occupato interamente da un eccellente touchscreen AMOLED da 1.39″, con risoluzione 454×454 pixel e densità di 326 PPI. I colori sono vividi e i neri sono profondi, lo schermo è sempre ben leggibile, grazie alla luminosità massima di 450 nit e ad un efficace sensore di luce ambientale.

Lungo il bordo laterale, a destra, sono presenti due pulsanti fisici: quello in alto apre la schermata con tutte le app e riporta alla schermata principale, l’altro, bordato di rosso, apre la sezione sport.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

Al centro del fondello posteriore, in plastica di colore nero, un sensore ottico PPG della frequenza cardiaca, che, insieme agli altri sensori integrati (accelerazione, giroscopio, geomagnetico, pressione atmosferica), consente un dettagliato monitoraggio dell’attività fisica e dello stato di salute, rilevando i battiti del cuore al minuto, il livello di ossigeno nel sangue (parametro importante in epoca di Covid-19), i passi fatti, la distanza percorsa, le calorie bruciate e i minuti di attività, beneficiando in questo anche della presenza interna di un chip di posizionamento satellitare (GPS, GLONASS, Galileo, BDS) che permette un affidabile tracciamento dei percorsi fatti.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

Mi Watch avverte, inoltre, chi lo indossa di lunghi periodi di inattività, incoraggiandolo a muoversi e, se indossato di notte, registra il ciclo del sonno.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

Presente anche un microfono interno che consente di interagire a voce con Alexa ponendo domande, le cui risposte, in mancanza di un altoparlante, vengono fornite in forma scritta a schermo, o impartendo comandi ai dispositivi IoT collegati all’ecosistema dell’assistente di Amazon.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

Lo smartwatch Xiaomi ha un sistema operativo proprietario e va collegato, tramite Bluetooth 5.0, ad uno smartphone (Android 5.0 o superiore o iOS 10.0 o superiore) su cui va installata l’app gratuita Xiaomi Wear, molto ben fatta, semplice da utilizzare e ricca di dati da consultare, presentati in grafici e tabelle di immediata comprensione.

Oltre che attraverso i due tasti fisici laterali, è necessario toccare con le dita lo schermo touch dell’orologio per interagire con l’interfaccia utente, caratterizzata da sfondi neri, per migliorare la durata della batteria.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

Nella schermata principale, di cui è possibile scegliere lo sfondo (watchface), tra i quasi 100 disponibili, oltre l’ora, vengono visualizzate le chiamate in arrivo e quelle perse.

Scorrendo con il dito da destra verso sinistra si passano in rassegna 8 schermate: la frequenza cardiaca, l’energia, i dati sul sonno, il meteo, lo stress, l’ossigenazione del sangue, la schermata musicale (che permette di gestire la riproduzione sullo smartphone) e il report attività (calorie, passi, tempo passato in piedi).

Scorrendo dal basso verso l’alto si trovano invece i controlli rapidi, come la modalità non disturbare, l’attivazione del display quando si ruota il polso, la possibilità di tenere lo schermo sempre attivo, la torcia, le sveglie e le impostazioni. Scorrendo dall’alto verso il basso si apre invece la tendina delle notifiche, che, provenienti dalle app istallate sul telefono abbinato, forniscono informazioni ma non offrono alcuna possibilità di interazione.

Accedendo, premendo il tasto laterale in alto, alla schermata delle app se ne trovano molte, ma va detto che non è possibile installarne autonomamente delle altre.

Tra le funzioni disponibili, l’orologio può essere utilizzato come otturatore remoto, per scattare foto, o per controllare la musica o, ancora, per ritrovare il telefono abbinato facendolo suonare.

Molto completa la sezione sport, a cui si accede attraverso il tasto laterale in basso, che supporta 17 modalità di allenamento professionali, tra cui triathlon e nuoto, e oltre a 100 modalità di allenamento estese. L’algoritmo Firstbeat è in grado di monitorare ed analizzare con precisione oltre 30 parametri chiave, tra cui frequenza cardiaca, velocità e calorie bruciate, per rendere più efficienti gli allenamenti. Il rilevamento automatico dell’allenamento, per ora, funziona solo con la corsa e la camminata. Per gli altri sport c’è invece bisogno di avviare manualmente il rilevamento.

Accreditato da Xiaomi di un’autonomia di 16 giorni, la batteria ai polimeri di Litio da 420 mAh, nel corso delle nostre prove, ha tenuto fede alle promesse fatte.

Mi Watch, la salute adesso si può controllare dal polso

La ricarica completa si effettua, in circa due ore, posizionando l’orologio, che ha due pin pogo sul retro, su una piccola basetta con attacco magnetico fornita in dotazione.

Attualmente il Mi Watch si può acquistare su Amazon a 129,99 euro, un prezzo assolutamente adeguato alla qualità e alle caratteristiche di questo prodotto, che, tuttavia, potrebbe diventare un irrinunciabile best buy se fosse commercializzato, come avvenuto nelle prime 24 ore dal lancio, a 99,99 euro.

Gennaro Annunziata

CRONACA