Castellammare, sì alla ztl sul lungomare: spazi per i gazebo dei ristoranti

vilam,  

Castellammare, sì alla ztl sul lungomare: spazi per i gazebo dei ristoranti

Castellammare. La ztl che venne cacciata dalla porta, potrebbe rientrare dalla finestra. Ieri, in consiglio comunale, la maggioranza di centrodestra ha affrontato il tema del recupero economico e del rilancio delle attività economiche. “Oggi in consiglio comunale, come gruppo consiliare di Forza Italia, abbiamo proposto di estendere l’occupazione del suolo pubblico per i ristoratori e i bar di corso Garibaldi anche sulla carreggiata, con l’applicazione della Ztl sul lungomare. Un segnale importante per far ripartire l’economia e garantire un’adeguata accoglienza per chi approda nella nostra città” le parole di Salvatore Gentile, capogruppo di Forza Italia. “Ho avanzato la proposta al sindaco e alla giunta, insieme ai consiglieri di Forza Italia Nicola De Filippo, Rosa Esposito e Alfonso Lucarelli, – spiega il capogruppo Gentile – allo scopo di potenziare l’offerta turistica e dare respiro ad un settore, quello della ristorazione, che ha subito oltremodo le conseguenze negative del Covid-19. In questo modo, sarà anche possibile garantire ulteriormente il rispetto delle disposizioni anti-Covid relative al distanziamento tra i tavoli e alla necessità di consumare cibi e bevande all’aperto. Abbiamo già riscontrato la sensibilità del sindaco Gaetano Cimmino rispetto a questa tema determinante per mostrare una volta di più il nostro impegno al servizio delle categorie più colpite dall’emergenza sanitaria e di tutti i cittadini stabiesi”. Ora, dunque, resta da capire come si potrà riattivare la ztl sul lungomare. La città, infatti, deve fare i conti con una situazione del traffico che appare disastrosa. Senza un piano specifico e senza una discussione sul Pum (fortemente voluto dall’ex assessore Scafarto che proprio su questo tema ha incontrato clamorose resistenze) qualsiasi provvedimento rischia di far bloccare la città. L’idea, dunque, sarebbe quella di limitare al solo lungomare la zona a traffico limitato. Così, dunque, i ristoratori e i titolari di bar su corso Garibaldi avrebbero la possibilità di aprire nuovi punti per far sedere i clienti. Una sorta di “lungomare liberato” in salsa stabiese che potrebbe arrivare a breve.    

CRONACA