Scafati, l’Acse assume 15 nuovi netturbini. Rivolta degli stagionali

Adriano Falanga,  

Scafati, l’Acse assume 15 nuovi netturbini. Rivolta degli stagionali

Via libera per 15 nuove assunzioni all’Acse, tra le polemiche degli stagionali in scadenza di contratto. La società partecipata guidata dall’amministratore unico Giovanni Marra è alla ricerca di 15 nuovi operatori ecologici da assumere con contratto stagionale, e tramite agenzia interinale. Sarà la società Tempi Moderni spa a farsi carico del bando con le relative assunzioni. Su espressa richiesta del sindaco Cristoforo Salvati, le assunzioni si terranno dietro sorteggio pubblico, tra i primi 100 finiti in graduatoria. C’è tempo per la presentazione delle domande fino al 21 maggio. Tra i requisiti lo stato di disoccupazione di almeno un anno, mentre saranno referenziali il possesso di diploma di scuola superiore e patente di categoria superiore alla B. Sono esclusi coloro che hanno prestato servizio presso la società nell’ultimo triennio, una clausola che di fatto chiude le porte alla candidatura degli attuali nove stagionali assunti a fine 2019, quando la società era guidata da Daniele Meriani. La decisione ha sollevato le proteste degli operatori in uscita, che in una nota congiunta al sindaco chiedono invece la stabilizzazione. “E vero che per la stabilizzazione ci vuole un concorso pubblico, ma è anche vero che comunque il personale già presente somministrato è stato selezionato pubblicamente, ne hanno legami di parentela o altro con personale, dirigenti Acse – si legge – come mai visto il periodo di restrizioni economiche a causa della pandemia, si sia voluto percorrere subito la strada per una nuova selezione di personale somministrato invece che chiedere un parere o una deroga al Governo per poter stabilizzare i lavoratori, usufruendo così anche delle detrazioni fiscali per l’assunzione di under 35 per 4 anni e risparmiando sia sul vestiario, sia sulla formazione lavorativa poiché già sono capaci i presenti di poter svolgere le mansioni che il ruolo di operatore ecologico richiede”. Secondo i nove stagionali a rischio licenziamento la stabilizzazione comporta meno oneri economici di un nuovo bando. “Il costo orario a base d’asta è di 18,53 € e la nuova agenzia interinale si è aggiudicata l’incarico con un ribasso del 5,828%. Stabilizzando gli under 35 già presenti si sarebbe ottenuto la stabilizzazione delle persone con un lavoro dignitoso, un risparmio maggiore in termini economici visto gli incentivi statali per l’assunzione. Chiediamo, visto il periodo di pandemia e ulteriore perdita di posti di lavoro, se ci sono possibilità che questa situazione lavorativa il 29 maggio non diventi altro precariato che debba incidere sulle casse pubbliche usufruendo di prestazioni al sostegno del reddito quando nel contesto in cui opera ACSE il lavoro c’è non manca ed è un lavoro che non si ferma mai come dimostra il periodo di pandemia”. L’impegno settimanale sarà di 30 ore, su 6 giorni lavorativi e per 5 ore giornaliere. La graduatoria avrà validità 24 mesi. I candidati dovranno inviare la domanda esclusivamente all’indirizzo mail dedicato: [email protected] entro il giorno 21/05/2021..

CRONACA