Turris già al lavoro, summit con Caneo

metropolisweb,  

Turris già al lavoro, summit con Caneo

In attesa di capire se la cordata interessata alla Turris accetterà l’ultimatum posto dal presidente Colantonio (fideiussione di 350mila euro entro questa settimana) la dirigenza non è assolutamente ferma al palo. Lavorare in anticipo è stata sempre la forza di questa proprietà che in quattro anni ha ottenuti risultati storici. Il primo nodo da sciogliere è quello relativo alla guida tecnica. In tal senso, oggi è previsto un incontro tra Caneo, Primicile e tutta l’area tecnica.
Il club vuole archiviare definitivamente questa situazione arrivando ad un accordo. La trattativa, avviata già da settimane telefonicamente, è molto serrata. La volontà, a quanto pare, non è in discussione ma per avere la fumata bianca bisogna essere d’accordo su ogni tassello contrattuale. La distanza tra domanda e offerta c’è, ma non è ampissima. Per questa ragione, la Turris ha voluto incontrare de visu l’allenatore per provare a limare le richieste economiche. L’obiettivo del club è chiudere nel giro di 24-48 ore per poi dedicarsi interamente alla campagna acquisti che vedrà un profondo restyling dell’organico.
Caneo è sempre stata la priorità tecnica di Primicile che nutre nei riguardi del tecnico sardo grande stima. D’altronde è stato lui a caldeggiare l’arrivo a Torre del Greco dopo l’esonero di Fabiano. Tuttavia, come giusto che sia perché il calcio è imprevedibile ed i colpi di scena sono sempre dietro l’angolo, non è un mistero che i corallini abbiano pronto, in caso di fumata nera, un cosiddetto piano B sul quale puntare senza alcun tipo di indugio. Nessuno ha voglia di farsi cogliere impreparato. La scelta dell’allenatore è cruciale perché scandisce la linea guida sulla tipologia di rinforzi da prendere.
Se realmente dovesse concretizzarsi, le possibilità sono buone, la riconferma di Caneo per la prossima stagione, l’impronta della campagna acquisti della Turris sarebbe abbastanza chiara. Ai dieci riconfermati verrebbero innestati almeno 5-6 giocatori senior per questa categoria. Va chiarito subito, a scanso di equivoci, che i senior non sarebbero calciatori a fine carriera o che hanno intenzione di venire a svernare a Torre del Greco bensì elementi ancora nel pieno delle loro forze e con fame di affermarsi. Un’occhiata verrà poi data anche agli under per il minutaggio ed anche qui potrebbe cambiare la strategia andando a pescare in qualche formazione di Primavera 1.  Tutti questi discorsi passeranno dall’esito dell’incontro in programma questa mattina. Il futuro è oggi e bisogna iniziare a mettere il primo tassello del puzzle della stagione 2021-22.
Bruno Galvan

CRONACA