Castellammare. Anna Chiara, l’universitaria che spopola su Tik Tok insegnando matematica

Tiziano Valle,  

Castellammare. Anna Chiara, l’universitaria che spopola su Tik Tok insegnando matematica

Tutto nasce da una domanda, durante il primo mese di pandemia: non è semplice imparare la matematica seguendo un insegnante in classe, come faranno gli studenti adesso che sono costretti a stare chiusi in casa? Anna Chiara D’Auria, appassionata della materia, ci pensa un po’, poi tira fuori un’idea: registra un breve video mentre spiega come risolvere un’espressione algebrica e lo pubblica sul social network Tik Tok. Il risultato è sorprendente, i pochi followers iniziali cominciano a moltiplicarsi e il video raggiunge ottocentomila visualizzazioni.Da quel giorno di marzo 2020, Annachiara D’Auria non ha più smesso di insegnare matematica sui social network, è diventata una tik toker, ha strappato un contratto con la Mondadori per la piattaforma digitale studenti.it, ed è diventata una sorta di testimonial del Ministero dell’Istruzione che le ha riconosciuto il premio “Scuola digitale”.«Ho unito la mia passione per l’insegnamento e per la matematica alla capacità dei social di arrivare a tantissime persone», spiega Annachiara, ventiduenne stabiese, al terzo anno di ingegneria aerospaziale dell’Università Federico II di Napoli e vicepresidente del Forum dei Giovani di Castellammare. «Mi rende felice l’idea di aver fatto diventare un trend delle brevi lezioni di matematica, invece del solito balletto della bella ragazza piuttosto che un video senza contenuti o addirittura pericoloso per chi provi ad emularlo – racconta – Il messaggio che lancio è che i social rappresentano un’innovazione che può avere importanti finalità culturali. Non è facile, perché ancora oggi vengono utilizzati soprattutto per svago, ma quando vedo che qualcuno prova a copiarmi sono felice».

Il segreto del suo successo? «Probabilmente è la capacità di utilizzare un linguaggio semplice, un metodo d’insegnamento innovativo che si basa molto sull’interazione – sottolinea Anna Chiara – I miei docenti sono molto contenti di questa mia iniziativa, ma sui social mi capita di riscontrare qualche professore che magari non gradisce le mie semplificazioni o i miei neologismi e commenta in modo negativo. Un po’ mi dispiace, perché ritengo che si potrebbe creare un mix tra le vecchie e le nuove metodologie d’insegnamento per stimolare maggiormente i ragazzi ad appassionarsi a questa materia».Il sistema che utilizza Anna Chiara è semplice: «Dopo i primi video, ho cominciato a rispondere a ciò che mi veniva richiesto – spiega – I followers mi scrivono gli argomenti che vogliono approfondire e io realizzo delle spiegazioni che pubblico su Tik Tok. I video durano dai quindici secondi a un minuto, qualora avessi bisogno di più tempo creo le guide e faccio una scaletta dei passaggi».I followers sono già cinquantamila e aumentano giorno dopo giorno: «Mi seguono prevalentemente ragazzini delle scuole medie e studenti liceali, molti poi cominciano anche ad aggiungermi su Instagram e gli altri social – sorride Anna Chiara – Apprezzano molto i neologismi che creo per semplificare la spiegazione e la mia disponibilità a rispondergli».

Una capacità comunicativa, quella della ventiduenne stabiese, che non è sfuggita nemmeno alla Mondadori: «Mi hanno contattato spiegandomi che volevano inserirmi sulla piattaforma studenti.it, nel canale dedicato alla matematica – racconta Anna Chiara – Mi hanno proposto subito un contratto, ho consultato un commercialista e poi ho firmato. Per la Mondadori realizzo tre-quattro video al mese. Non mi pesa affatto, anzi mi piace molto».

D’altronde, Anna Chiara sa bene cosa vuole per il suo futuro: «Ho scelto di studiare ingegneria aerospaziale perché sono convinta che possano aprirsi diverse strade per il futuro professionale – racconta – Ma il mio sogno è diventare un’insegnante di Fisica, magari aggiungendoci dentro un pizzico di “spazio” dentro per appassionare di più i ragazzi. Insomma, mi piacerebbe essere una prof all’avanguardia».

Un assaggio di futuro potrebbe arrivare già nei prossimi mesi: «Stiamo realizzando un progetto con il Forum dei Giovani di Castellammare da portare nelle scuole – conclude – Vogliamo puntare sull’interazione con i ragazzi, magari attraverso dei giochi, ma sempre con finalità culturali. Speriamo di riuscirci presto».

CRONACA