L’hub di Pompei accelera: «Puntiamo a 500 vaccini al giorno»

Salvatore Dare,  

Pompei vuole tornare a vivere. Ha entusiasmo, voglia di fronteggiare la crisi, determinazione. Un sentimento forte, radicato. Che viene fotografato al meglio dalla forza d’animo e dal senso del dovere di operatori, medici e addetti dell’hub vaccinale di piazza Falcone e Borsellino. I quali, senza risparmiarsi, rimangono in prima linea nella lotta al Covid. E ovviamente ci sono anche i numeri delle inoculazioni del siero a testimoniare l’accelerata impressa nella ripartenza. Nell’hub di Pompei sabato sono state fatte 414 somministrazioni, una quota mai raggiunta prima in città dall’inizio della campagna vaccinale. Il nuovo obiettivo adesso è di toccare, se non superare, le 500 dosi inoculate al giorno. «Possiamo e dobbiamo farcela» dicono gli addetti della struttura di Pompei che è aperta 12 ore al giorno. Dalle 8 del mattino alle 20, in campo per accogliere i cittadini e gestire al meglio l’hub. Il referente della struttura è il dottor Nunzio Tufano, che assieme al dottor Langella, i sette operatori informatici e i sei infermieri e operatori-socio sanitari stanno assicurando un’assistenza di eccellenza sfruttando le due postazioni disponibili per le inoculazioni. L’hub – divenuto realtà alcune settimane fa grazie all’impegno dell’Asl Napoli 3 Sud e dell’amministrazione comunale del sindaco Carmine Lo Sapio – dispone di tre punti di accettazione ed uno per le dimissioni. «L’organizzazione funziona bene grazie al supporto della Croce Rossa e dei dirigenti che cercano di aiutarci con le dosi – dice Carlo Giordano, uno degli operatori informatici impegnati nell’hub – A volte le persone arrivano in anticipo, ma tutto si svolge al meglio senza resse o assembramenti. Una volta arrivati nel centro, l’attesa per l’inoculazione è mediamente di 30 minuti». Nell’hub di Pompei confluiscono non solo i cittadini della città mariana, ma anche i residenti di Santa Maria la Carità, Agerola e Amalfi. Si tratta di un punto importante del distretto 58 dell’azienda sanitaria diretta dall’ingegnere Gennaro Sosto che auspica la possibilità di poter ulteriormente migliorare la media giornaliera di inoculazioni. Finora, non ci sono mai stati problemi di approvvigionamento delle dosi. Un ottimo segnale in vista di un ulteriore step per la campagna vaccinale, alla luce del fatto che dal prossimo tre giugno anche in Campania sarà possibile effettuare la registrazione per tutti gli over 16.

CRONACA