Caos ingombranti a Torre del Greco, sospesa la raccolta: indagini in commissione trasparenza

metropolisweb,  

Caos ingombranti a Torre del Greco, sospesa la raccolta: indagini in commissione trasparenza
Il centro di raccolta degli ingombranti chiuso senza preavviso

Torre del Greco. Finirà sotto i riflettori della commissione trasparenza il caso dell’inattesa chiusura del centro di conferimento degli ingombranti della Santissima Trinità, area diventata un tappeto di rifiuti la mattina del 2 giugno quando le foto dei marciapiedi invasi da scarti di ogni tipo sono diventate virali in rete.

Ad annunciarlo è la presidente dell’organismo deputato a «fare le pulci» alle attività dell’amministrazione comunale: «Siamo pronti a portare la questione all’attenzione di una delle prossime sedute – afferma l’ex vicesindaco Romina Stilo – Si tratta solo della punta dell’iceberg di una serie di disservizi che stanno caratterizzando la raccolta dei rifiuti». Al riguardo, la capogruppo di Azione Torre ha già inoltrato una specifica richiesta di intervento ai vertici della Buttol: «Ma sono trascorse due settimane – sottolinea l’ex candidato sindaco – e nessuna risposta è arrivata. Questo è sintomatico di come l’azienda Nu concepisce il rapporto con l’amministrazione comunale: un rapporto che non tiene conto della necessità di dare spiegazioni del proprio operato, specie quando questo lascia scontenti i più».

La vicenda del sito posto a ridosso del centro vaccinale è emblematica: «Già in passato – prosegue Romina Stilo – ci siamo occupati della questione, visto le numerose lamentele dei cittadini. Oggi che l’area viene chiusa d’imperio, ufficialmente per una non meglio precisata riorganizzazione, sarebbe importante capire gli interventi programmati e chi è informato degli stessi. I silenzi registrati in questi giorni ci inducono a pensare che ancora una volta la decisione non sia stata concertata e che dietro la sbandierata ‘riorganizzazione’ ci siano esigenze legate solo a interessi di pochi soggetti a discapito della collettività».

@riproduzione riservata

CRONACA