Castellammare. Sul porto stabiese nascerà il mercato del pesce, aggiudicato l’appalto da 200mila euro

Tiziano Valle,  

Castellammare. Sul porto stabiese nascerà il mercato del pesce, aggiudicato l’appalto da 200mila euro

Il mercato del pesce di Castellammare di Stabia nascerà sul porto in località Banchina Mare Morto. Il Comune ha aggiudicato i lavori, per un importo di 200mila euro, al Consorzio Stabile Energos di Biella. Si tratta dell’unica ditta che ha risposto al bando emanato da Palazzo Farnese più di un mese fa, presentando un’offerta con un ribasso di circa il 25 per cento, per gli interventi previsti per realizzare il progetto. I lavori potrebbero cominciare già entro la fine di giugno, perché il Comune ha chiesto l’immediata disponibilità all’azienda a realizzare l’opera.Il mercato del pesce offrirà ai pescatori che rientrano in porto, dopo aver trascorso la notte in mare, uno spazio dove poter esporre e battere all’asta i prodotti. L’amministrazione comunale avrebbe voluto realizzarlo nei pressi dei Magazzini Generali, all’Acqua della Madonna, ma c’è stato il parere contrario della Capitaneria di Porto che ha rappresentato come l’attività dei pescatori avrebbe potuto essere d’intralcio a quella da diporto e dei traghetti che partono per Capri. Il Comune investirà poco più di 200mila euro per realizzare questo progetto, curato dall’ex assessore Giovanni Russo.

Nella giornata di ieri, il dirigente del settore Lavori Pubblici, Giuseppe Terracciano, ha dato il via libera all’aggiudicazione dell’appalto alla ditta.Gli interventi previsti riguardano la costruzione di una piccola struttura che dovrà ospitare gli uffici e i servizi igienici, la realizzazione di una vasca per la raccolta dei residui colati durante le operazioni di sbarco, la pavimentazione delle aree, il collegamento all’illuminazione pubblica e l’installazione di colonnine per la fornitura di acqua ed energia elettrica alle imbarcazioni.

Oltre a un sistema di videosorveglianza che ovviamente sarà a disposizione del Comune e delle forze dell’ordine deputate a garantire la sicurezza. Il nuovo mercato del pesce all’aperto rientra in un progetto più ampio che mira a riqualificare la zona portuale, riproducendo quel borgo marinaro che dovrebbe accogliere turisti e residenti dei comuni limitrofi. Già da qualche settimana si discute dello sviluppo dell’area e l’Autorità Portuale è impegnata a redigere il documento strategico di programmazione che detterà le linee guida del nuovo piano regolatore portuale.

Lo scalo di Castellammare di Stabia, al pari di Napoli e Salerno, è stato inserito tra quelli di rilevanza nazionale dalla Regione Campania e per questo motivo le concessioni resteranno in capo all’Authority, a differenza di altri Comuni della fascia costiera. Mentre per Napoli e Salerno lo sviluppo sarà prevalentemente incentrato sui flussi commerciali, per Castellammare di Stabia si delinea un futuro turistico. In tal senso, s’interseca anche la realizzazione del nuovo mercato del pesce che in molte zone d’Italia, oltre a richiamare ristoratori e appassionati, rappresenta anche un’attrattiva.

CRONACA