Otto progetti per Terzigno, il Comune presenta il masterplan al Governo

Andrea Ripa,  

Otto progetti per Terzigno, il Comune presenta il masterplan al Governo

Ci sono le scuole da riqualificare, le piazze da rigenerare. E poi il campo sportivo, che non ha ancora aperto i battenti, ma a cui serviranno lavori di manutenzione continua per evitare che chiuda di nuovo al pubblico e alle realtà sportive locali. Nel masterplan che il Comune di Terzigno ha inviato al Governo nei giorni scorsi c’è un sogno, quello di provare a riqualificare – a costo zero per l’Ente – alcuni rioni diventati dormitorio negli ultimi mesi. Ma anche la sicurezza degli studenti. E infine l’attenzione verso due progetti che sono rimasti lettera morta: l’installazione dei numeri civici sulle abitazioni del paese, vera spina nel fianco dell’amministrazione comunale spesso incapace di recapitare le cartelle di pagamento per l’assenza di riferimenti, e infine la realizzazione delle fogne in alcune strade di Boccia al Mauro, un programma di lavori tanto caro all’ex senatore Domenico Auricchio, oggi seduto “solo formalmente” tra i banchi dell’opposizione. Una spesa che s’aggira sui cinque milioni di euro, soldi impossibili da trovare nelle casse pubbliche e che l’amministrazione Ranieri proverà a strappare al Governo Draghi. Le otto proposte per cambiare il volto di Terzigno sono state presentate nei giorni scorsi dopo la presentazione delle opere da parte degli assessori Massimo Annunziata ai lavori pubblici e Sabrina Castaldo al decoro urbano. Nel dettaglio le opere riguarderanno la riqualificazione della scuola di Boccia al Mauro e il plesso Giusti per oltre due milioni di euro. Ma più interessante sono gli interventi di rigenerazione urbana, destinati a mitigare il rischio di degrado sociale e urbano nei territori, varato dal gruppo di Fratelli d’Italia e pensato per ridare linfa a numerosi centri di aggregazione come piazza Troiano Caracciolo del Sole, Piazzetta Borgonuovo e l’area antistante la stazione della Circumvesuviana. Tre punti chiave uniti da un unico comun denominatore: la pietra lavica, che farà da sfondo alla riqualificazione delle aree. A occuparsi del piano per il decoro l’assessore Sabrina Castaldo, riferimento dei consiglieri Pasquale Ciaravola e Tina Ambrosio. «Abbiamo colto l’occasione della rigenerazione urbana, lavorando da mesi su programmazione e gli ufficio tecnico sui progetti,candidando il Comune di Terzigno ad opere di circa 5 milioni di euro per il decoro urbano attraverso il rifacimento di tutte le piazze. – spiega la “straniera” della giunta Ranieri – Con il progetto del “Cammino della pietra” che unisce tutte le piazze attraverso un percorso unico si restituisce decoro e bellezza alla città consentendo ai cittadini di riappropriarsi dei spazi all’aperto incentivando la vita sociale dopo un periodo così difficile come la pandemia». Nell’elenco delle opere rientra anche il piano per la realizzazione della rete fognaria nel rione di Boccia al Mauro con particolare interessamento di via Vicinale Gatta, via Aquini e via Niutta e i fondi per la manutenzione dell’impianto sportivo che si spera possa aprire i battenti entro la fine di quest’anno.

CRONACA