Si schiantò con la bici a Torre del Greco: il ciclista-tifoso fuori pericolo dopo 20 giorni di calvario

Alberto Dortucci,  

Si schiantò con la bici a Torre del Greco: il ciclista-tifoso fuori pericolo dopo 20 giorni di calvario

Torre del Greco. Resta ricoverato nel reparto d’ospedale in cui era arrivato in condizioni disperate, ma – a 20 giorni dal terribile schianto in via Alcide De Gasperi – finalmente è stato dichiarato fuori pericolo di vita. Potrebbero arrivare a breve il momento di tornare a casa per Vincenzo D’Angelo, il tifoso della Turris rimasto – a metà maggio – vittima di un rocambolesco e spaventoso schianto in sella alla sua bicicletta lungo la strada di collegamento tra il quartiere Sant’Antonio e la Litoranea.

È stato lo stesso quarantenne di via Gaetano De Bottis – noto per la passione per lo sport, in particolare il calcio e il ciclismo – a tranquillizzare amici e familiari direttamente dalla sua pagina Facebook: «Buongiorno a tutti, finalmente si vede la luce in fondo al tunnel – le parole affidate al popolare social network -. Ringrazio per l solidarietà della mia città e delle persone che mi vogliono bene». Un post – il primo dal giorno dell’incidente – capace di scatenare entusiasmo e gioia all’ombra del Vesuvio, dove i messaggi di incoraggiamento per il tifoso della Turris erano arrivati non solo dal popolo corallino. Diversi gli striscioni affissi sia in piazza Luigi Palomba – «Vincenzo, lotta lotta e vincerai» il grido partito dal quartiere a due passi dall’abitazione del quarantenne – sia all’uscita del casello autostradale.

Il quarantenne era arrivato al pronto soccorso con fratture multiple alle costole e la conseguente perforazione di un polmone: un quadro clinico allarmante, capace di convincere i camici bianchi a intervenire subito chirurgicamente per tamponare le ferite interne. La prognosi, tuttavia, restò riservata per una decina di giorni. Fino ai segnali positivi e incoraggianti arrivati nell’ultimo week end: «Non può essere ancora dimesso dall’ospedale, ma siamo sulla buona strada», la buona notizia circolata tra gli amici del quarantenne.

Sul fronte investigativo, intanto, procedono le indagini per ricostruire l’esatta dinamica dello schianto. Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri della caserma Dante Iovino, Vincenzo D’Angelo stava percorrendo via Alcide De Gasperi in sella alla sua bici quando avrebbe perso il controllo del suo mezzo e sarebbe andato a sbattere violentemente contro un’auto in sosta lungo i margini della carreggiata. Dopo il violento impatto, poi, il ciclista – finito in strada a causa dell’urto – sarebbe stato centrato da una seconda vettura. Una ricostruzione che ora, finalmente, potrà essere confermata o meno dalla sfortunata vittima dello schianto.

@riproduzione riservata

CRONACA