Portici, il «regime social» di Cuomo & company: cancellati i post anti-sindaco

Daniele Gentile,  

Portici, il «regime social» di Cuomo & company: cancellati i post anti-sindaco
Il sindaco Vincenzo Cuomo

Portici. La «democrazia» non è mai stata – a dispetto dello schieramento grazie a cui è stato eletto prima senatore e poi sindaco – il suo forte. E i suoi sostenitori devono avere sposato in pieno la linea dettata dal «capo» al secondo mandato a palazzo Campitelli. Al punto di trasformare i gruppi social di riferimento per i cittadini di Portici in una sorta di regime 2.0, dove i messaggi sgraditi al primo cittadino e alla sua «corte» vengono misteriosamente e sistematicamente cancellati.

L’ultima polemica politica all’ombra della Reggia è legata al mondo virtuale, diventato lo «spazio pubblico» in cui tutti – a partire proprio dal sindaco Enzo Cuomo – raccontano le proprie verità agi internauti. Attraverso le proprie pagine ufficiali, certo. Ma non solo, secondo gli esponenti dell’opposizione. Nella città della Reggia c’è un gruppo social con circa 24.000 iscritti in cui si dovrebbe discutere di ciò che funziona e non funziona a Portici.

Il gruppo – in cui non mancano avvisi istituzionali – sarebbe gestito anche da iscritti vicinissimi del sindaco Enzo Cuomo. Non a caso, come denunciano in questi giorni semplici utenti e consiglieri comunali della minoranza, puntualmente spariscono i post “scomodi” per l’amministrazione comunale e in particolare le denunce relative al lungomare cittadino e all’eterno cantiere del waterfront. «Non ci capacitiamo di come sia possibile che vengano cancellati certi post – commentano gli internauti – sembra proprio che siano troppo scomodi per il Comune».

In effetti diversi messaggi dal carattere critico sarebbero spariti proprio in questi ultimi giorni, da quando è forte l’odore dell’inizio della campagna elettorale. «Questo gruppo andrebbe chiuso – aggiungono – sembra quasi che sia la comunicazione di regime. Bisogna lasciare lo stesso spazio sia per le notizie positive, che non guastano mai, sia per quelle negative che possono dare fastidio a chi ci governa. Fermo restando che la comunicazione social non è il modo migliore di informare».

Eppure l’amministrazione comunale del sindaco Enzo Cuomo ha sempre e solo puntato sui social in maniera unilaterale per informare i cittadini delle nvoite relative al Comune e via dicendo. Non è un mistero infatti che, almeno in maniera ufficiale il sindaco e il suo staff non si siano mai muniti di una figura incaricata di informare i cittadini e tramite note stampa e cominciati ufficiali. Si è puntato dunque, a una comunicazione interamente social. Non senza, evidentemente, qualche «insider».

@riproduzione riservata

CRONACA