Turris. Intervento per Pandolfi: «Cinque mesi terribili»

metropolisweb,  

Turris. Intervento per Pandolfi: «Cinque mesi terribili»

Luca Pandolfi, come ormai è noto, non verrà riscattato dal Brescia che ha già fatto sapere alla Turris che il periodo del prestito si fermerà al prossimo 30 giugno. Nella giornata di venerdì l’attaccante si è sottoposto ad un intervento in artroscopia al menisco presso la clinica “Villa Margherita” agli ordini del professore Cerulli. L’operazione è perfettamente riuscita con piena soddisfazione dell’equipe medica che ha fissato in un mese circa il tempo di recupero per il classe 1998. Pandolfi ha voluto affidare ai social il suo pensiero su questi mesi davvero neri: “Guardando indietro con molto rammarico, penso che avrei potuto fare questa semplice e rapida operazione più di 4 mesi fa così da poter giocare in questi mesi, dando tutto me stesso e continuando a lottare per il mio sogno. Sicuramente avrei dimostrato – scrive la punta –  che chi mi aveva scelto non aveva sbagliato, anzi. Ho vissuto 5 mesi che non raccomanderei a nessuno, terribili e pieni di solitudine”. La Turris lo rimetterà in sesto sul piano fisico, ma il futuro di questo ragazzo è tutto da scrivere. In questo momento non ha un grande mercato e con i corallini ha soltanto un solo anno di contratto. Mettere in atto un braccio di ferro non conviene a nessuna delle parti in causa. Per questo motivo, a stretto giro, ci sarà un incontro tra l’entourage del bomber e Primicile per capire quale possa essere il percorso migliore per tutti. Non si escludono colpi di scena come un possibile rinnovo per un’altra stagione con la promessa di darlo via in caso di nuovo exploit. Nel frattempo arrivano notizie confortanti per quanto riguarda l’iscrizione. La Commissione di Vigilanza pubblico spettacolo si è riunita ieri approvando tutti i passaggi formali tesi a concedere la licenza per lo stadio “Liguori” e permettere dunque alla Turris di presentare in tempo i documenti. Lunedì, fanno sapere da Palazzo Baronale, le certificazioni saranno rilasciate e firmate dagli organi competenti.
Bruno Galvan

CRONACA