Covid in Campania, avanza la variante Delta. Mascherina: De Luca ribadisce l’obbligo anche all’aperto

Redazione,  

Covid in Campania, avanza la variante Delta. Mascherina: De Luca ribadisce l’obbligo anche all’aperto

Sono 94 i nuovi positivi al Covid in Campania, su 7.357 test molecolari esaminati ieri: ne deriva un tasso di incidenza dell’1,27% in caso rispetto all’1,60% precedente. Nel bollettino dell’Unità di crisi, aggiornato alla mezzanotte scorsa, si segnalano anche 5 nuove vittime. In calo l’occupazione delle terapie intensive, a quota 23 (-1) e dei posti letto di degenza, oggi 274 (282 (-8). Ma, intanto, avanza la variante delta. Secondo gli ultimi dati c’è una presenza di 170 varianti inglesi, 82 delta, 36 brasiliane, 6 varianti colombiane e 23 europee; emerge dall’esame di 321.campioni di persone risultate positive al Covid 19 con tampone molecolare. Numeri riferiti alle attività settimanali di sequenziamento previste dal piano di sorveglianza genomico della Regione. Sul fronte vaccini, da registrare l’ufficializzazione della chiusura definitiva da domani a Napoli del centro vaccinale Museo Madre. La decisione è stata presa dalla Direzione Strategica della Asl Napoli 1 Centro alla luce del mutato contesto epidemiologico. “Per diversi mesi, parte del personale ASL Napoli 1 Centro è stato impegnato nel mandare avanti il centro vaccinale Museo Madre – afferma il direttore generale Verdoliva – un centro vaccinale che è stato cruciale per raggiungere i concittadini residenti nel cuore di Napoli e non solo. Oggi, alla luce di una campagna vaccinale adeguata al contesto epidemiologico molto cambiato, abbiamo deciso di chiudere questo centro vaccinale. Nel farlo, sento l’obbligo morale di ringraziare le donne e gli uomini che ci hanno consentito di raggiungere l’importantissimo obiettivo che la Regione ci ha assegnato per la salute dei nostri concittadini. Lo stesso ringraziamento lo rivolgo naturalmente alla presidenza del Museo Madre”.

“Come museo della Regione Campania – dice la presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee Angela Tecce – siamo orgogliosi di aver contribuito alla missione indispensabile di un centro vaccinale nel nostro quartiere, che ha consentito a tanti concittadini, che con difficoltà avrebbero raggiunto altre sedi, di vaccinarsi speditamente”. E, sempre sul fronte vaccini, doppio richiamo Astrazeneca alla Mostra d’Oltremare e in Stazione Marittima, mentre gli altri centri restano chiusi. Prosegue così la vaccinazione contro il covid19 domani a Napoli, nel giorno in cui è atteso il rifornimento settimanale dei 300.000 vaccini Pfizer in Campania, che verrà poi distribuito tra le diverse Asl.

Con le scorte alla fine, l’Asl Napoli 1 ha deciso domani di applicare una giornata di seconde dosi Astrazeneca alla Mostra d’Oltremare per 4.481 cittadini convocati, mentre alla Stazione Marittima seconda dose Astrazeneca per 1.045 convocati. Infine, il tema della mascherina. “L’evento Napoli Città Libro è una riapertura della società che non è legato all’abbandono della mascherina. Toglierla non è conquistare lo sbarco in Normandia o firmare la Costituzione democratica”. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nella presentazione dell’evento letterario.

De Luca, che ha intenzione di confermare la mascherina all’aperto oltre le decisioni del governo. Di parere opposto il sindaco di Napoli. Luigi de Magistris. “Se il Governo decide che il 28 si tolgono le mascherine all’aperto, si tolgono le mascherine all’aperto. Poi ognuno può avere il proprio pensiero ed esprimerlo perché siamo in democrazia ma non può accadere che un presidente di Regione dica altro. Il Governo deve agire con chiarezza e far rispettare le decisioni con autorevolezza su tutto il territorio nazionale”.

CRONACA