Abusivismo edilizio in Costiera Amalfitana, 120 denunce in sei mesi

Redazione,  

Abusivismo edilizio in Costiera Amalfitana, 120 denunce in sei mesi

In provincia di Salerno sono 159 le persone denunciate negli ultimi sei mesi per abusi edili commessi sia su strutture private che ricettive. Di queste 120 sono legate solo alla Costiera Amalfitana, terra fragile e particolarmente attenzionata dalle forze dell’ordine. Dal bilancio stilato dai carabinieri del comando provinciale di Salerno emerge che il valore complessivo delle strutture sottoposte a sequestro è di circa 1.500.000 euro. Nella maggior parte dei casi le violazioni riscontrate sono state commesse per aumentare il valore di strutture ricettive con l’installazione di vasche idromassaggio, piscine interrate oppure per aumentare la volumetria e ricavare altre camere. In un albergo della costiera, dicono gli investigatori, dove agli ultimi piani della palazzina, oltre ad aver eseguito dei lavori per aumentare la volumetria degli spazi coperti e l’installazione di accessori per rendere più accoglienti gli ambienti, sono state installate due vasche amovibili da esterno di notevoli dimensioni, a servizio delle pertinenti camere dell’albergo. Secondo i militari, inoltre, erano stati effettuati lavori ad alcune camere che necessitavano di autorizzazioni specifiche. Le forze dell’ordine, inoltre, in diverse abitazioni della Costiera Amalfitana hanno riscontrato la realizzazione di installazioni negli spazi aperti senza alcun titolo edilizio e paesaggistico. In particolare: una piscina esterna di dimensioni importanti (del valore di circa 20mila euro) adagiata al suolo; una piscina esterna con pavimentazione perimetrale in doghe simil legno; una vasca piscina fuori terra, installata su una parte del giardino. In quest’ultimo caso la vasca era funzionante e posta a servizio dell’immobile e della casa vacanze.

CRONACA