Turismo, gli inglesi hanno voglia di Sorrento: «Pronti a tornare»

Salvatore Dare,  

Turismo, gli inglesi hanno voglia di Sorrento: «Pronti a tornare»

«Una ripresa potrà scattare soltanto l’anno prossimo. E’ una speranza, perché purtroppo rimangono ancora incertezze. Ma qualche segnale che ci induce ad essere un po’ più fiduciosi c’è. A iniziare da agosto». Sorrento è una perla del turismo mondiale che, prima che esplodesse la pandemia dovuta ai contagi Covid 19, contava su 850mila presenze all’anno di clienti provenienti dalla Gran Bretagna. Una cifra monstre, che purtroppo dal 2020 è drasticamente crollata a causa delle restrizioni anti-coronavirus e alle limitazioni ai viaggi. «Eppure tra qualche giorno le cose potrebbero lievemente migliorare» dice Costanzo Iaccarino, presidente di Federalberghi penisola sorrentina e vicepresidente nazionale dell’associazione che rappresenta gli albergatori. «Il prossimo 19 luglio – sottolinea l’imprenditore – in Inghilterra ci sarà una sostanziale revoca delle principali misure anti contagio. E ciò evidentemente potrebbe avere delle ripercussioni su una maggiore libertà negli spostamenti dei clienti all’estero. In tal senso, dopo questa data, auspico un miglioramento dello stato dell’arte anche per quello che riguarda il mercato della penisola sorrentina e della Campania». I segnali incoraggianti, in tal senso, si iniziano a notare: «Si potranno accogliere nuovamente i clienti inglesi e già ad agosto, stando anche ai primi riscontri sul campo, potranno tornare. Già si stanno raccogliendo le prime prenotazioni. Sicuramente dobbiamo dimenticare i numeri importanti registrati fino al 2019». L’attesa per un vero e proprio rilancio del settore turistico e alberghiero è fissata per l’anno prossimo. «Speriamo che la stagione 2022 possa davvero diventare quella del riscatto per tutti gli operatori, i lavoratori del comparto e i protagonisti della filiera ricettiva italiana, campana e della penisola sorrentina – spiega ancora il presidente di Federalberghi – C’è assoluto bisogno di una ripartenza perché quella di questa estate rimarrà in ogni caso una stagione in cui si è lavorato col freno a mano tirato, come se fossimo a mezzo servizio. In tal senso è importante sfruttare occasioni anche pubbliche per ottenere spazi sulla vetrina internazionale». Il pensiero di Costanzo Iaccarino va al G20 dei ministri del commercio che si terrà proprio a Sorrento il prossimo autunno. E’ una iniziativa di valore, politico e finanziario, che promette alla penisola sorrentina un ottimo ritorno in termini di pubblicità. «Chiaramente – dice il numero uno di Federalberghi – il G20 del commercio rappresenta una tappa importante a livello mediatico e che mi auguro possa consentire all’intero sistema Sorrento di ottenere spazi e feedback di livello mondiale. Ma al di là di ciò auspico un cambio di passo organico, da parte di tutta la filiera istituzionale, nella capacità di mettere in piedi un sistema di agevolazioni e rilancio per gli operatori turistici. Spesso si parla tanto e dunque troppo, speriamo in una sintesi pure nei provvedimenti attesi dal mondo dell’imprenditoria».

CRONACA