Scuola nel fortino del boss, altri 2 milioni per San Giuseppe Vesuviano

Andrea Ripa,  

Scuola nel fortino del boss, altri 2 milioni per San Giuseppe Vesuviano

Per la scuola nel bunker del boss Fabbrocino, una vecchia fabbrica confiscata alla criminalità organizzata, arrivano nuovi fondi. Dopo il tesoretto stanziato a febbraio scorso dalla Regione Campania – un finanziamento recuperato dopo mesi di tensioni e accuse, anche all’interno del consiglio comunale – un nuovo assist al sindaco della Lega per la realizzazione dell’opera arriva ancora una volta da sinistra. Stavolta dalla Città Metropolitana, guidata dal sindaco arancione Luigi de Magistris. La realizzazione del polo per gli studenti in via Croce Rossa figura al secondo posto nell’elenco delle nuove opere da realizzare con i fondi provinciali. «Realizzazione polo scolastico. Riconversione bene confiscato San Giuseppe Vesuviano: 2 milioni di euro», si legge nel documento firmato nei giorni scorsi. Si tratta di un atto in cui sono contenute ben 15 interventi da realizzare con i fondi del Piano Strategico per i Comuni, con le risorse trovate sono stati inseriti nell’elenco delle «opere da realizzare» anche le riqualificazioni di edifici storici oltre alla costruzione di un centro scolastico rinnovato a due passi dal centro storico di San Giuseppe Vesuviano. Nuovo ossigeno, dunque, per l’ente di piazza Elena d’Aosta, già destinatario di un finanziamento di 5 milioni di euro stanziati dal governo regionale qualche mese fa. Lo stanziamento dei fondi è contenuti in una delibera della Città Metropolitana con cui definisce nuovi progetti strategici dell’area metropolitana e approva un atto di indirizzo per le priorità di investimento dell’avanzo di amministrazione dell’Ente. Ciò rappresenta un aggiornamento del Piano Strategico triennale 2021-2023. «L’opera si farà», ha assicurato de Magistris. Il sindaco di Napoli è al passo d’addio dopo dieci anni alla guida del municipio napoletano, alla fine del mandato lascerà anche la poltrona di capo della Città Metropolitana (che finirà a uno tra l’ex ministro all’Università Gaetano Manfredi e il pm anticamorra Catello Maresca). Proprio con il pm che incastrò Zagaria i vertici della squadra di governo sangiuseppese hanno avuto più di un confronto. Maresca è stato a San Giuseppe Vesuviano qualche mese fa per un evento tenutosi nella sala consiliare (di cui non si è data pubblicità, in verità) e poi è stato ospite del sindaco di Ottaviano, Luca Capasso, poche settimane fa. Un incontro a cui era presente anche Catapano, in platea. E’ chiaro che una eventuale vittoria del candidato del centrodestra spianerebbe la strada per rapporti sempre più stretti con Palazzo San Giacomo. Ma questi saranno calcoli che potranno essere fatti soltanto a elezioni concluse. Restano i due milioni assegnati dalla Città Metropolitana per il polo scolastico che dovranno essere investiti. La fabbrica Allocca è stata confiscata oltre 14 anni fa. Da allora quel vecchio rudere attende di rinascere. E stavolta i soldi ci sono.

CRONACA