Rifiuti e stadio, sindaco di Poggiomarino all’angolo

Andrea Ripa,  

Rifiuti e stadio, sindaco di Poggiomarino all’angolo

Il nuovo calendario per la raccolta dei rifiuti e le incertezze sul futuro sportivo delle associazioni del territorio rischiano di rendere ancor più rovente l’estate del sindaco di Poggiomarino, Maurizio Falanga. Stretto all’angolo dalla critiche. Un coro di voci a cui s’è aggiunta anche quella dell’ex primo cittadino, Leo Annunziata, che non ha gradito i ritardi nella raccolta in via Giacomo Matteotti che è la strada del quartiere in cui vive. Due spine nel fianco della squadra di governo locale che costringeranno i vertici di palazzo di città a dare risposte concrete nelle prossime ore. La questione più spinosa è quella della raccolta dei rifiuti, al vaglio dell’Ente uno studio per migliorare ulteriormente il servizio perché molte zone della città vengono spazzate e ripulite dagli operatori ecologici troppo tardi. A ciò vanno ad aggiungersi i problemi di personale per le ferie che hanno causato non pochi disagi nell’ultimo periodo. Anche in termini di raccolta, basti pensare che in via Giacomo Matteotti per due volte nella stessa settimana sono stati segnalati disservizi. Tra coloro che hanno denunciato un servizio di raccolta di rifiuti da migliorare c’è il segretario regionale del Pd, Leo Annunziata. «Attendiamo ancora che i rifiuti li portino via», il post sibillino di qualche giorno fa con tanto di foto dei sacchetti lasciati poco distante dalla sua residenza. Un post che, evidentemente, non è piaciuto ai fedelissimi dell’attuale primo cittadino di Poggiomarino pronti a difendere il proprio operato e quello della ditta, consapevoli che la rivoluzione della raccolta differenziata è stata fortemente voluta e studiata sin dall’insediamento della compagine di centrodestra. Il prossimo consiglio comunale sarà teatro di discussione anche sulla questione dei rifiuti, visto che tra le richieste delle forze di opposizione c’è quella di vagliare alcune proposte presentate per migliorare il servizio. Ma la questione dei rifiuti  non è l’unica a tenere in apprensione il sindaco e i suoi fedelissimi. Negli ultimi giorni sono comparsi in città alcuni volantini a firma dei «tifosi e i cittadini di Poggiomarino». Chiedono delucidazioni sul futuro campo sportivo, l’impianto Europa di via Dante Alighieri. Una struttura che l’Ente vorrebbe dismettere per realizzare un impianto altrove. Per il momento non se ne parla. «Cosa sta facendo il Comune per consentire alla squadra di calcio di consentire di tornare a giocare nella propria città come promesso dai palchi della campagna elettorale? Dove sono gli imprenditori di Poggiomarino che hanno a cuore la presenza del calcio e dello sport? I dirigenti della Real Poggiomarino hanno intenzione di continuare a portare avanti la società o intendono abbandonare il progetto?», si chiedono nella missiva. «La politica, l’imprenditoria e la società civile poggiomarinese non possono restare indifferenti al grido della gioventù. – si legge ancora nel volantino – Attendiamo risposte concrete e non i soliti slogan per rabbonire gli animi».

CRONACA