Circum, ira del sindaco di Sorrento: «Servizio indecente»

Salvatore Dare,  

Circum, ira del sindaco di Sorrento: «Servizio indecente»

«E’ una situazione assolutamente incresciosa, indecente, intollerabile per una terra che fa dell’accoglienza una vera e propria vocazione. Quanto prima ne parlerò nuovamente con la Regione Campania. Quel che è accaduto nel fine settimana è una ulteriore mazzata inferta alla credibilità di un territorio già provato dall’emergenza». Una raffica di corse cancellate tra sabato e domenica, ancora disagi per pendolari e turisti. La Circumvesuviana torna sotto la luce dei riflettori e la tensione sale alle stelle. Il sindaco di Sorrento Massimo Coppola è fortemente amareggiato, punta l’indice contro l’Eav che ha dovuto sopprimere dei treni a causa «dell’indisponibilità di personale» e chiede una svolta. «Sono sconcertato – dice il primo cittadino – La cancellazione delle corse nel bel mezzo del weekend rappresenta un danno imponente, anche per l’immagine, per tutto il territorio. Resto basito. Ciò che è successo è gravissimo e intendo segnalarlo a stretto giro, ancora, alla Regione Campania. Amministrazioni comunali, operatori, lavoratori e imprese, in particolare nel ramo turistico, si adoperano per riscattarsi e rilanciare il territorio dopo lunghi mesi di fortissime difficoltà dovute alla pandemia e per tutta risposta si ripresentano criticità nel trasporto pubblico su ferro. Non è ammissibile una cosa del genere. La soppressione delle corse è una vicenda incresciosa per un Paese civile». Nel dettaglio, tra sabato e domenica sono state soppresse circa 25 corse. Stando a ciò che si è appreso, l’Eav del presidente Umberto De Gregorio ha accusato problemi nella gestione del personale perché alcuni macchinisti si sono rifiutati di coprire lo straordinario. Senza dimenticare che i capitreno hanno già avanzato forti perplessità sul nuovo piano di esercizio che dovrebbe entrare in vigore tra un mese. A tutto ciò si aggiunge la rotazione per ferie del personale. A proposito di mobilità: sono settimane importanti per il progetto che prevede la realizzazione del percorso pedonale meccanizzato tra il porto di Marina Piccola e il parcheggio comunale Achille Lauro di via Correale. La Regione Campania, stando alle ultime indiscrezioni, pare sia intenzionata a coprire interamente le spese dell’opera: i costi sono di circa 16 milioni di euro. L’amministrazione Coppola, in tal senso, appare intenzionata a non coinvolgere soggetti privati nell’operazione. Due anni fa, aveva mostrato interesse a realizzare il progetto una società, la Sorinvest, nata anche per volere dell’armatore Gianluigi Aponte, patron della compagnia marittima Msc e presidente della Fondazione Sorrento. Nell’impresa figurano diversi imprenditori e commercianti intenzionati a proporsi come soggetto attuatore del progetto, attraverso il project financing. Adesso, come già ipotizzato dall’avvocato Gaetano Milano, amministratore delegato della Fondazione Sorrento – è tra coloro che hanno collaborato alla nascita di Sorinvest – la società potrebbe anche essere sciolta.

CRONACA