Fa 2 incidenti in 40 metri, tre automobilisti feriti a San Giuseppe Vesuviano

Andrea Ripa,  

Fa 2 incidenti in 40 metri, tre automobilisti feriti a San Giuseppe Vesuviano

Due incidenti in pochi metri, tre automobilisti feriti ricoverati in ospedale a Nola e un allarme crescente legato alla sicurezza lungo le strade del Vesuviano. E’ il bollettino di un sabato notte di follia tra le strade di Ottaviano e San Giuseppe Vesuviano. Protagonista un ragazzo sangiuseppese, 24 anni appena. Prima si schianta con la sua auto contro una vettura, poi tenta la fuga senza soccorrere l’automobilista. E infine, nel tentativo di sfuggire ai controlli, si schianta qualche metro dopo contro un’altra auto in strada a quell’ora. Il tutto nel cuore della notte. Una serie di incidenti, uno dietro l’altro, che si consumano tra via San Leonardo sul confine tra Ottaviano e San Giuseppe Vesuviano e l’incrocio con via Vecchia Sarno, a Ottaviano. Poche decine di metri in cui si poteva consumare l’ennesima tragedia della strada. Per fortuna gli automobilisti coinvolti nei due incidenti hanno riportato ferite a gambe, braccia e testa, giudicate non gravi, dichiarate dai medici dell’ospedale Santa Maria della Pietà guaribili in 15 e 30 giorni.  Restano gli allarmi legati all’emergenza sicurezza in strada che non possono essere ignorati. Il giovane di San Giuseppe Vesuviano che guidava l’auto che ha innescato i due incidenti – si tratta di una Wolkswagen Polo – è risultato positivo all’alcol test. Il 24enne, sabato notte, con la sua vettura si è scontrato prima con una Chevrolet che stava procedendo in direzione di San Giuseppe Vesuviano. Dopo lo schianto, il giovane finito nel mirino anche delle forze dell’ordine, non ha prestato soccorso a nessuno. Dopo l’impatto è scappato via. Ha continuato la sua corsa per alcuni metri e nel tentativo di far perdere le proprie tracce – probabilmente per evitare ripercussioni – è andato a sbattere contro una Fiat Grande Punto, incrociata poco più avanti da dove si era verificato il primo incidente. Al secondo impatto non ha fatto in tempo a fuggire, l’auto su cui viaggiava s’è arresa per le troppe ammaccature rimediate nei minuti precedenti. E anche lui è stato costretto ad alzare bandiera bianca. E’ stato curato dai medici chiamati già a seguito del primo incidente. In via San Leonardo l’eco delle sirene delle due ambulanze chiamate per soccorrere i feriti ha risuonato forte, svegliando di soprassalto i residenti di un quartiere tranquillo ma spesso abituato a scene del genere. I tre automobilisti sono stati caricati e trasportati al pronto soccorso del Santa Maria della Pietà. Al termine i carabinieri hanno denunciato il giovane di San Giuseppe Vesuviano protagonista del doppio schianto. Soltanto la fortuna ha evitato che lungo le strade dei due comuni vesuviani si consumasse l’ennesima tragedia dell’asfalto. Come capitato nella notte tra sabato e domenica scorsa lungo la Statale 162, nei pressi dello svincolo per Pomigliano. A perdere la vita un ragazzo di 20 anni di Saviano, Pasquale Somma, che stava tornando con alcuni amici a casa dopo una serata passata a Napoli. L’auto su cui viaggiavano è uscita fuori strada e si è ribaltata. Tre persone ferite, Pasquale è morto prima dell’arrivo dei medici.

CRONACA