Torre Annunziata, la bomba ritrovata al Parco Trento serviva per «punire» un commerciante

Giovanna Salvati,  

Torre Annunziata, la bomba ritrovata al Parco Trento serviva per «punire» un commerciante

Torre Annunziata. Doveva servire a intimidire un commerciante che si era rifiutato di versare nelle casse del clan la somma chiesta mensilmente per il pizzo. È l’ipotesi che per gli inquirenti si nasconde dietro al ritrovamento dell’ordigno esplosivo al civico 37 di Parco Trento: un ritrovamento che coincide con una stesa avvenuta qualche metro prima del garage dove i carabinieri hanno recuperato la bomba. Non c’è alcun dubbio su dove e come doveva essere utilizzata la bomba carta di quasi quattro chili ritrovata nella cantina.

Una di quelle bombe usate dalla camorra per terrorizzare i commercianti, una di quelle capaci di distruggere negozi e autovetture. Ed è quello che avevano in mente. Un piano saltato grazie al sequestro dei carabinieri che hanno ritrovato l’ordigno ancora prima che fosse consegnato e poi piazzato. Insomma un agguato sventato.

Ma l’inchiesta non si ferma, anzi. Gli investigatori sono determinati a fermare i raid che da settimane si stanno verificando in città ma per ora bocche cucite e perquisizioni in atto. L’ultima ieri sera quando i militari hanno fatto irruzione nel rione Penniniello e poi nel Parco Apeca. Si cercano le bombe della camorra, ma anche elementi che possono aiutare gli inquirenti a definire lo scenario.

Una guerra iniziata all’indomani delle scarcerazioni eccellenti come quella di Giuseppe Carpentieri, il genero del boss Valentino Gionta senior, marito di Teresa Gionta. È su di lui che sono concentrati anche i riflettori, lui destinato a prendere in mano le redini della cosca direttamente su battesimo del boss storico fondatore del clan dei Valentini. Carpentieri fu infatti anche bersaglio da parte dei “nemici”: fu raggiunto da una raffica di colpi mentre si trovava sul terrazzo di casa a prendere il sole. Agguato scampato perché Carpentieri si rifugió dietro a un’antenna.

@riproduzione riservata

CRONACA