Scuola, la Campania dice no alla Dad: si parte il 15 settembre

metropolisweb,  

Scuola, la Campania dice no alla Dad: si parte il 15 settembre
20091103 - POMPEI (NA) - HTH - INFLUENZA A:BIMBA MORTA; NUOVE MISURE DA UNITA' CRISI POMPEI - Pulizie straordinarie nelle scuole di Pompei. Una pulizia straordinaria delle scuole prima della loro riapertura prevista per giovedÏ; una campagna di sensibilizzazione attraverso l'affissione di manifesti e un ciclo di incontri pubblici; una accelerazione dei tempi necessari a far partire la vaccinazione disponibile gi‡ da mercoledÏ per i soggetti pi˘ deboli. Queste le principali misure prese dall'unit‡ di crisi convocata dal sindaco di Pompei Claudio D'Alessio dopo la morte per influenza A della piccola Emiliana. Le misure riguarderanno tutto il territorio cittadino. ANSA/CESARE ABBATE /gid

La Campania dice no alla didattica a distanza. Conferma la partenza per tutti gli istituti scolastici il 15 settembre e prepara anche una novità: 250 camper per aiutare la campagna vaccinale nelle scuole. “L’anno scolastico in Campania comincia il 15 settembre. Questa data non è mai stata in discussione” le parole dell’assessore all’Istruzione della Regione Campania, Lucia Fortini, a margine dell’incontro con i dirigenti scolastici che si è tenuto ieri in Regione, alla presenza del presidente Vincenzo De Luca. “Alcune scuole in autonomia possano cominciare lunedì 13 – ha affermato la Fortini – altrimenti il 15 si apriranno le scuole con la didattica in presenza. A noi preme sostenere quello che è il piano vaccinale della nostra regione, ma queste che si stanno diffondendo sono fake news strumentali”. Ha parlato anche delle strategie che stanno accompagnando la riapertura dei plessi scolastici in Regione, l’assessore Fortini. “È differente la strategia che metteremo in campo tra le scuole del primo ciclo (elementari e medie) e quelle del secondo ciclo (licei, istituti tecnici e professionali) per la riapertura delle scuole in sicurezza”le sue parole. “Nonostante la fascia di età dai 12 ai 19 anni è quella che si può vaccinare – aggiunge l’assessore -, i ragazzi di 12 e 13 anni si trovano in istituti con ragazzi che non si possono vaccinare. Per il primo ciclo attueremo dunque un monitoraggio con l’avvio dell’anno scolastico. Ci saranno 250 scuole sentinella – spiega la Fortini – su base volontaria, sia sulle scuole che vogliono partecipare sia per i ragazzi, non vogliamo costringere nessuno”. Come si realizzerà questo aiuto alla campagna vaccinale è chiarito proprio dall’assessore. “Abbiamo chiesto la disponibilità ai dirigenti scolastici delle scuole superiori di ospitare dei camper vaccinali. L’intenzione è di essere vicini alle scuole nella campagna vaccinale anche fisicamente” le parole della delegata all’Istruzione in Campania. “Abbiamo anche notato che in particolare per la città di Napoli, ci sono alcune Municipalità dove la percentuale dei ragazzi vaccinati è molto più alta che in altre zone – aggiunge la Fortini”. E ancora: “Le condizioni rispetto allo scorso anno sono diverse – ha aggiunto -, abbiamo percentuali importanti di ragazzi che si sono vaccinati. Con i diciannovenni siamo arrivati a una copertura dell’80% di vaccinati” secondo l’assessore.

CRONACA