Treni, Ztl e meno traffico: la Gragnano del futuro disegnata dai candidati sindaco

Elena Pontoriero,  

Treni, Ztl e meno traffico: la Gragnano del futuro disegnata dai candidati sindaco

Trasporti e collegamenti da e per la città di Gragnano hanno un unico comune denominatore per i tre candidati a sindaco: mobilità sostenibile.

Nello D’Auria Nello D’Auria spiega che «con il Piano Urbano di Mobilità sostenibile (Pums) studieremo misure adeguate per il trasporto dell’intero tracciato urbano. Il disegno urbano di Gragnano presenta criticità morfologiche risolvibili solo con un articolato programma di mobilità sostenibile e un sistema di trasporti intelligente, integrato e con l’impiego di bus elettrici. Tra gli obiettivi la “e-mobility” per la riconnessione dei territori cittadini e l’annullamento del concetto di periferie. Altro snodo riguarderà la riconversione della linea ferroviaria in metropolitana leggera con fermate intermedie in Via dei Pastai, Parco Imperiale, Zona Archeologica di Madonna delle Grazie». Non finisce qui: «Nella stessa area abbiamo intenzione di realizzare una rete ciclo-pedonale parallela al tracciato della metropolitana leggera e un parco urbano. Vanno in questa direzione l’idea di realizzare una rete di parcheggi a rotazione distribuiti su tutto il territorio e l’istituzione di una zona a traffico limitato nei fine settimana in via Roma con un servizio di Bike Sharing, oltre a navette elettriche e convenzioni con i taxi gragnanesi».

Maria Pia Di Maio Secondo Maria Pia Di Maio, «è necessario un rilancio del trasporto su rotaie, con la collaborazione con Trenitalia che ha corse metropolitane fino ai Campi Flegrei. Questo collegamento consentirebbe ai turisti di arrivare comodamente a Gragnano. Trenitalia è dotata di convogli elettrici di ultima generazione, che potrebbero percorrere la tratta Napoli-Gragnano, in tal modo si verrebbe a limitare il traffico cittadino. La tratta ferroviaria va riattivata, con l’ammodernamento dei binari e dei passaggi a livello. Importante è anche la creazione di un interscambio con bus elettrici per il collegamento delle zone periferiche con il centro. Bisogna investire in una mobilità sostenibile e coinvolgendo anche le associazioni locali per creare zone a traffico controllato e un monitoraggio più incisivo. Nel nostro programma è previsto anche un riassetto dell’orario di attività di scuole e uffici, così da limitare il caos viabilità che potrebbe essere ulteriormente alleggerito con la realizzazione di piste ciclabili».

Paolo Cimmino Il sindaco Paolo Cimmino sottolinea che «bisogna puntare, d’intesa con Ferrovie dello Stato e Regione, alla rivitalizzazione della tratta ferroviaria “Gragnano/Castellammare/Torre Annunziata” che, come già previsto nel Puc, deve diventare una metropolitana leggera di superficie, con fermate lungo il percorso ed interconnessione alla linea “Napoli-Sorrento” della Circumvesuviana». «La mobilità sostenibile deve passare anche attraverso la realizzazione di sistemi verticali su monorotaia per raggiungere le frazioni alte e, in prospettiva di migliore fruibilità turistica, di una funivia per l’altopiano del Megano; nelle more, va attuato il recupero di strade panoramiche ad alto valore paesaggistico, come ad esempio via Calavrice, anche al servizio di un’agricoltura locale multifunzione e vocata alla diffusione dei valori e della cultura rurale attraverso l’implementazione delle fattorie didattiche, degli orti urbani e dei parchi agricoli previsti dal vigente Puc».

CRONACA