Evacuo alla Juve Stabia con 10 anni di ritardo

Michele Imparato,  

Evacuo alla Juve Stabia con 10 anni di ritardo

Evacuo e la Juve Stabia. Storia di un lungo corteggiamento tra le parti che adesso si è concretizzato. Questa volta verrebbe da dire che il “matrimonio s’ha da fare”, citando una frase dei Promessi Sposi. Sì, perchè la Juve Stabia e Felice Evacuo sono stati per anni dei futuri sposi.
Il bomber di Pompei è stato davvero vicinissimo a indossare già la maglia delle Vespe dieci anni fa. La Juve Stabia aveva vinto i playoff di Lega Pro e dopo la mancata conferma del re Giorgio Corona il duo Giglio e Manniello aveva pensato proprio a Felice Evacuo. Del resto, il bomber in quel campionato aveva vestito i colori del Benevento segnando 12 reti, tra cui uno proprio nella semifinale playoff contro la Juve Stabia. Nella partita di ritorno, allo stadio Vigorito, un suo gol di testa nel primo tempo aveva fatto tremare la squadra di Braglia e i tifosi stabiesi fino al pareggio, su calcio di rigore, di Nazzareno Tarantino in apertura di ripresa. Poi quella partita si concluse 1-1 con la qualificazione della Juve Stabia in finale in un crescendo fino al 19 giugno quando l’impresa di Corona e compagni si materializzò.
Felice Evacuo, quindi, dopo la promozione in serie B era diventato il principale obiettivo del ds Salvatore Di Somma alla pari di Ciofani. Alla fine, però, nessuno dei due arrivò a vestire i colori gialloblù. Felice Evacuo aveva lasciato il Benevento accettando lo Spezia in Lega Pro dinanzi alla possibilità di giocare la B con la Juve Stabia. Il bomber di Pompei fu uno dei trascinatori della squadra ligure segnando 15 gol e vincendo il campionato di Lega Pro. La Juve Stabia, dopo il rifiuto di Evacuo, virò su Danilevicius e poi acquistò Marco Sau in chiusura di mercato e il bomber ex Foggia fu determinante per il gran campionato delle Vespe in B.
Felice Evacuo ha accettato la Juve Stabia pochi giorni a 39 anni probabilmente anche per il suo legame con Rubino. L’attaccante di Pompei era stato a Trapani proprio col ds nella stagione in cui Juve Stabia e siciliani si sono contese la promozione diretta in B. In quel avvincente testa a testa alla fine Felice Evacuo aveva chiuso la stagione con 10 gol all’attivo che non bastarono per arrivare prima della squadra di Fabio Caserta. Bomber Evacuo si era rifatto qualche mese dopo vincendo i playoff col Trapani e poi giocando anche l’anno seguente in serie B sempre con il ds Rubino. Ora a 39 anni giocare con la Juve Stabia per molti rappresenta una sorta di passerella finale per la sua lunga e onorata carriera ma Evacuo, invece, vuole dimostrare ben altro e far vedere che resta pur sempre l’attaccante più prolifico della Lega Pro.

CRONACA