Castellammare. Evasioni e mazzette, geometra comunale finisce in carcere

Tiziano Valle,  

Castellammare. Evasioni e mazzette, geometra comunale finisce in carcere

In casa proprio non riusciva a starci e nonostante fosse agli arresti domiciliari, spesso se ne andava in giro per la città. Ranieri Esposito, ex geometra comunale, per tre volte era stato fermato dalle forze dell’ordine che l’avevano denunciato e il giudice gli aveva sempre concesso di tornare a casa. Ma la quarta volta al rione Savorito, appena una settimana fa, ha spinto il gip del Tribunale di Torre Annunziata ad aggravare la misura cautelare.Esposito, ieri mattina, è stato raggiunto dai carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia, agli ordini del capitano Carlo Venturini, che gli hanno notificato l’ordinanza di ordinanza cautelare in carcere e l’hanno trasferito a Poggioreale.Diversi i guai giudiziari per l’ex dipendente di Palazzo Farnese, che è stato anche denunciato con effetto retroattivo dal Comune di Castellammare lo scorso dicembre. Ranieri Esposito è accusato di atti persecutori da parte dell’ex compagna. La vicenda risale all’estate del 2020, quando la donna raccontò di essere stata seguita e strattonata dall’uomo, fin dentro la stazione della Circumvesuviana di Sorrento. Gli stessi militari notarono l’ex dipendente comunale, che non si era arreso alla fine della loro storia d’amore, strattonarla con violenza.Ranieri Esposito, sessantatreenne ex geometra comunale, è inoltre accusato di induzione indebita a dare o promettere utilità, per tre pratiche edilizie. Le indagini dei finanzieri stabiesi partirono dagli abusi edilizi commessi nella villa dell’assicuratore Vincenzo Iurillo, in via Castello. Per aggiustare quelle pratiche, secondo l’accusa, il funzionario pubblico sarebbe arrivato a intascare diecimila euro.Accuse dalle quali, il geometra del Comune di Castellammare di Stabia, avrà modo di difendersi davanti ai giudici nel corso del processo che è cominciato appena la settimana scorsa.Un procedimento nel quale è subito emerso che Ranieri Esposito nel frattempo è andato in pensione, ma il Comune ha provveduto subito dopo l’arresto eseguito dalla guardia di finanza a licenziarlo con effetto retroattivo rispetto alla data dell’ultimo giorno di servizio.Una decisione assunta per provare a chiedere i danni per il danno d’immagine subito da Palazzo Farnese, a causa dell’inchiesta che ha svelato il giro di mazzette per coprire gli abusi edilizi.Una brutta storia per il geometra comunale che adesso è finito in carcere per aver violato più volte gli arresti domiciliari. In un’occasione, Ranieri Esposito fu sorpreso nei pressi di Palazzo Farnese, a due passi da quell’ufficio nel quale aveva lavorato per decenni.

CRONACA