Sconti Tari ai negozianti di Gragnano, ma quasi nessuno presenta domanda

Elena Pontoriero,  

Sconti Tari ai negozianti di Gragnano, ma quasi nessuno presenta domanda

Agevolazione Tari per i commercianti di Gragnano, poche richieste e dal Comune parte l’ennesima proroga per lasciare aperti i termini almeno fino al 30 settembre prossimo. In pochi, dunque, hanno presentata l’istanza per accedere al beneficio che prevede uno sconto pari al 20% sull’importo dovuto. Un’occasione soprattutto dopo le perdite registrate dalle tante attività, lasciate a fare i conti anche con tasse e affitti che, per il Covid, non sono stati cancellati. Un sostegno agli investitori piccoli e medi che sono presenti sul territorio di Gragnano, per alleggerire seppur di poco il carico dei pagamenti. Per questo motivo l’esecutivo Cimmino, utilizzando l’avanzo del ristoro previsto dalla Stato a favore degli enti locali con Dl. 28 ottobre 2020, numero 137 (“Decreto Ristori bis”) aveva dato il via libera alla delibera con cui concedeva a una vasta platea di soggetti commerciali che hanno dovuto chiudere l’attività o ridurne l’orario (dagli alberghi alle autofficine, dai falegnami alle sarte, dai barbieri ai pizzaioli, dagli esercenti le palestre agli orefici, dagli studi tipografici a quelli fotografici, dai negozi di abbigliamento a quelli di arredamento ecc.) un contributo straordinario a valere sul pagamento della Tari 2021. Stranamente, però, lo sconto ha fatto gola soltanto a pochi, rispetto alle numerose attività sparse sul territorio. Un vero e proprio «sconto» sulla tassa dei rifiuti che premia gli esercenti pubblici che cercano di resistere, tenendo in piedi attività economica e salvaguardando i livelli occupazionali. Il budget messo a disposizione è di 150mila euro e verrà assegnato sulla base di un avviso pubblico e della verifica dei requisiti. Il contributo sarà, infatti, erogato solo al momento del pagamento della quota Tari 2021, mediante un meccanismo di riemissione dell’avviso con uno sconto del 20% da parte della società concessionaria del servizio di riscossione per conto del Comune, la Publiservizi. Ma attenzione, in caso di mancato pagamento, gli idonei non potranno beneficiare del taglio della Tari.

CRONACA