Juve Stabia. Bentivegna, dal cinema al campo a suon di gol

Michele Imparato,  

Juve Stabia. Bentivegna, dal cinema al campo a suon di gol

In queste prime uscite i tifosi della Juve Stabia stanno vedendo il vero Bentivegna. L’attaccante siciliano sta facendo vedere alcuni colpi del repertorio che mostrano il suo talento cristallino che negli ultimi anni è stato frenato da problemi fisici.
Una rete ad Andria, alla prima di campionato che è valsa il pareggio dopo il gol-lampo di Casoli. Bentivegna si è ripetuto anche a Vibo Valentia segnando il 2-0 in apertura di ripresa. Una rete bella per esecuzione con il pallone scagliato sotto la traversa poco prima di entrare in area. Gesto tecnico sottolineato anche da Walter Novellino dopo la partita di Vibo.
L’ex Carrarese, insomma, ha iniziato col piede giusto il campionato confermando i propositi di rivincita sbandierati in estate.
Bentivegna, acquistato l’anno scorso dal ds Ghinassi ma scaricato troppo in fretta da Padalino, sembrava dovesse andare via nuovamente. Durante il mercato il ds Rubino ha ricevuto delle richieste, tra cui quella del Monterosi ma alla fine Accursio Bentivegna ha deciso di restare accettando di rivedere il contratto e il suo ingaggio, come ha fatto anche Tonucci.
Questo può essere una stagione importante per Bentivegna che con Novellino è già diventato una pedina indispensabile in attacco. L’ex Palermo e Carrarese è un esterno che può giocare indifferentemente a destra e sinistra e anche da trequartista.

Dal cinema al campo
Non tutti sanno che Bentivegna da bambino ha recitato in un cortometraggio dal titolo Maradona baby. Aveva sette anni e il regista, Nino Sabella, si accorse del suo talento col pallone e lo arruolò per il suo cortometraggio.
Dopo i primi calci nel Kronion, società siciliana, Bentivegna a 13 anni fa due provini per l’Inter superati entrambi ma il passaggio al club nerazzurro salta perchè un minore non poteva trasferirsi fuori regione prima di aver compiuto la maggiore età. Bentivegna, quindi, passa al Palermo ed è felice ugualmente visto che è la squadra della sua regione, essendo nato a Sciacca.
Col Palermo si fa notare al Torneo di Viareggio e arriva anche l’esordio in serie A con Iachini in panchina in un Palermo-Sampdoria al Renzo Barbera che è strapieno.
Ormai è in pianta stabile aggregato alla prima squadra anche se 19enne. I suoi mentori al Palermo sono calciatori come Maresca e Vitiello, l’ex capitano della Juve Stabia.
Sono gli anni migliori di Bentivegna che veste anche le maglie di tutte le Nazionali giovanili partendo dall’Under 15 del ct Rocca proseguendo con l’Under 18 di Vanoli arrivando all’Under 20 di Evani.

Il team Messi
Altra curiosità legata all’attaccante della Juve Stabia è il fatto di aver fatto parte del team di Leo Messi.
Sì, proprio lui. Qualche anno fa Accursio Bentivegna è stato scelto tra i 10 giovani talenti mondiali che come premio hanno indossato lo stesso modello di scarpe di Lionel Messi.

CRONACA