Eletto il nuovo Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli

Redazione,  

Eletto il nuovo Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli

Sono stati eletti i 15 consiglieri che guideranno l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli nel quadriennio 2021-2025. La commissione elettorale – informa una nota – al termine delle operazioni di voto, ha oggi proclamato i vincitori.
Il candidato più votato, con 1.980 preferenze su 2.644 votanti, fa sapere una nota, è il presidente uscente Edoardo Cosenza, ordinario di Tecnica delle Costruzioni all’Università di Napoli Federico II.

Eletto il nuovo Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri di Napoli

Cosenza sarà affiancato da quattordici colleghi, tutti espressione della sua lista “Ingegno Napoletano 2.0”.

Eletto il nuovo Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri di Napoli

Il consiglio si insedierà mercoledì 6 ottobre, nel corso di una riunione che segnerà il passaggio di consegne con la precedente consiliatura. La squadra uscita dalle urne  è composta da otto nuovi eletti e da sette componenti della precedente consiliatura.

Gli uscenti confermati sono: Gennaro Annunziata, Raffaele De Rosa, Carmine Gravino, Andrea Lizza, Ada Minieri e Giovanni Alfano (in rappresentanza della sezione B dell’Albo, che raccoglie i laureati triennali). I nuovi eletti sono Sergio Burattini, Claudia Colosimo, Stefano Iaquinta, Valeria Nappa, Eduardo Pace, Maria Rosaria Pecce, Serena Riccio e Rossella Sposito.

Eletto il nuovo Consiglio dell'Ordine degli Ingegneri di NapoliEdoardo Cosenza ha così commentato: “I consensi personali ricevuti e il successo di tutta la mia squadra sono dati di fatto che ci onorano e ci investono di una grande responsabilità nei confronti di tutti i colleghi per sostenere sempre meglio le aspettative degli ingegneri napoletani, che vantano una preparazione di alto livello, in tutti i settori in cui si articola la nostra professione. Il nuovo consiglio si presenta con una rilevante e qualificata presenza femminile, forte delle esperienze consolidate di molti colleghi impegnati nella precedente consiliatura e potrà comunque avvalersi delle preziose competenze dei consiglieri uscenti che non potevano ricandidarsi, poiché il limite è di due mandati consecutivi“.

CRONACA