Emergenza sicurezza a Torre Annunziata: beffati i controlli, corriere aggredito e rapinato

metropolisweb,  

Emergenza sicurezza a Torre Annunziata: beffati i controlli, corriere aggredito e rapinato

Lo hanno bloccato, immobilizzato e pestato. Poi si sono fatti consegnare i pacchi che avrebbe dovuto recapitare ai destinatari e poi sono scappati via. Ancora un altro raid, ancora un’altra vittima di una gang che ancora una volta ha scelto come bersaglio un corriere di un’agenzia privata. Non è la prima volta che accade e anche ieri pomeriggio l’episodio si è verificato nel rione Provolera. Sono da poco passate le 14 del primo pomeriggio quando un corriere si reca in uno dei vicoli del centro storico. Qui ha una consegna da effettuare e prima che possa arrivare a destinazione qualcosa non va. Si accorge infatti che dietro al suo furgoncino c’è uno scooter con in sella due ragazzi. Nota subito che indossano un casco integrale e abiti scuri. Il loro atteggiamento li insospettisce è così decide di accelerare la consegna. Ma quando esce dal furgoncino per recarsi al civico della consegna viene bloccato. Non ha nemmeno il tempo di capire e reagire che gli viene puntata una pistola contro. Gli viene intimato di consegnare il pacco è il corriere non esita.

La paura gli fa congelare le mani e decide di obbedire. I due prendono il pacco e scappano via. Sono attimi concitati e il corriere chiede subito aiuto. Sul posto piombano i carabinieri della stazione di Torre Annunziata – agli ordini del maresciallo Giovanni Russo – il corriere prova a dare subito una descrizione e corrisponde a quella della gang che in altre sue occasioni ha rapinato un corriere sempre nello stesso vicolo. Nello stesso rione. All’interno del pacco anche questa volta c’erano dei dispositivi digitali. Intanto ieri mattina gli agenti del Commissariato di Torre Annunziata e i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il supporto di personale della Squadra Mobile, del Reparto Prevenzione Crimine Campania e dell’Unità Cinofila antidroga dell’Ufficio Prevenzione Generale, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio in zona Cuparella e nel “Rione Carminiello”.

Nel corso dell’attività sono state identificate 142 persone, di cui 43 con precedenti di polizia, controllati 82 veicoli, di cui due sottoposti a fermo amministrativo, e contestate 3 violazioni del Codice della Strada per mancata revisione periodica.

Inoltre, i poliziotti hanno effettuato un controllo in via Cuparella presso l’abitazione di un uomo sottoposto agli arresti domiciliari per reati in materia di stupefacenti e, all’arrivo degli operatori, il figlio ha lanciato da una finestra due borselli al cui interno sono stati rinvenuti tre involucri contenenti 350 grammi circa di cocaina, un barattolo con 72 grammi di marijuana e 2 bilancini. Gaetano e Vincenzo Maresca, oplontini di 45 e 24 anni con precedenti di polizia, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si attende l’esito del giudizio.

CRONACA