Dopo il Legia il Napoli cerca il record in campionato

metropolisweb,  

Dopo il Legia il Napoli cerca il record in campionato

Archiviata la pratica Legia Varsavia, sia pure con qualche apprensione per il gol del vantaggio che tardava ad arrivare, il Napoli dei record si concentra sulla partita di domenica all’Olimpico con la Roma. La squadra di Luciano Spalletti ha ottenuto fino ad ora in campionato otto vittorie su altrettante partite, uguagliando il percorso netto della squadra guidata da Maurizio Sarri nel 2017. E’ dunque a caccia del record ma la strada adesso si fa davvero in salita perché la squadra di Josè Mourinho, già difficilissima da affrontare in assoluto, è reduce dal mortificante 6-1 sul campo del Bodo Glimt e cercherà il riscatto proprio con la capolista. La squadra si è ritrovata di mattina al Centro Tecnico di Castel Volturno e Spalletti ha diviso la rosa in due gruppi: coloro i quali sono andati in campo dall’inizio in Europa League hanno svolto lavoro di scarico in palestra. Gli altri hanno iniziato la sessione con attivazione tattica, poi con un lavoro finalizzato alla velocità e infine a una partitina a campo ridotto. Zielinski ha svolto l’intera seduta in gruppo. Ounas ha fatto personalizzato in campo. Manolas, come hanno accertato gli esami strumentali, ha riportato una lesione di basso grado del grande gluteo destro. Il difensore ha gia iniziato l’iter riabilitativo. Della situazione della squadra e delle prospettive per il futuro ha parlato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Diego Demme. “Contro il Legia – ha detto il centrocampista tedesco – abbiamo vinto una partita importante. Ora dobbiamo affrontare ogni partita con la stessa mentalità. La Roma ha perso ieri, ma domenica saranno alla ricerca del riscatto. Sarà una gara molto difficile ma anche bella da giocare”. “Io – ha aggiunto Demme – mi sento bene, ho recuperato dall’infortunio e ieri sono soddisfatto della mia prestazione. Con Anguissa vicino sento anche maggiore sicurezza perché è un calciatore di potenza e tecnica. Spalletti sta facendo grandi cose, ci sta dando fiducia, cura i dettagli e sta coinvolgendo tutto il gruppo nel progetto. Stiamo bene fisicamente, ci alleniamo con tanta intensità e vogliamo continuare così”. “Ieri ho fatto i complimenti a Lorenzo, è un campione e ha dimostrato ancora il suo talento – ha concluso -. Noi tutti siamo stretti attorno a lui, è un giocatore che ci trascina e che può fare la differenza. Quanto a Osimhen, io non ho mai visto da vicino un attaccante di questa forza. E’ un calciatore strepitoso a volte diventa immarcabile”.

CRONACA